Sarrabus, esplode il caso delle bombole gpl vendute in nero: la Finanza indaga sui furbi del gas

Il controllo è proseguito attraverso il raffronto delle giacenze contabili con quelle effettive quantificate sul posto, con particolare riferimento al g.p.l. detenuto in bombole destinate all’uso domestico. All’esito della verifica è stata riscontrata una deficienza di 1.192 kg. di g.p.l., che non ha trovato alcuna giustificazione contabile o derivante da perdita di prodotto sottoposto ad accisa

Nell’ambito dell’azione a tutela delle entrate e di contrasto all’evasione fiscale, le Fiamme Gialle di Muravera hanno concluso una verifica fiscale in materia di accise nei confronti di una società operante nel settore della vendita di prodotti energetici per uso domestico.

 Il soggetto target è stato individuato a seguito di una costante attività di monitoraggio dei beni viaggianti su strada nell’ambito dei servizi di controllo del territorio, con particolare riferimento ai prodotti petroliferi, e l’incrocio delle banche dati in uso al corpo.

 L’azione dei Finanzieri è stata incentrata sul riscontro degli adempimenti contabili obbligatori quali la corretta tenuta del registro di carico e scarico dei prodotti e la rispondenza di tutte le movimentazioni in entrata e uscita dal deposito. Il controllo è proseguito attraverso il raffronto delle giacenze contabili con quelle effettive quantificate sul posto, con particolare riferimento al g.p.l. detenuto in bombole destinate all’uso domestico. All’esito della verifica è stata riscontrata una deficienza di 1.192 kg. di g.p.l., che non ha trovato alcuna giustificazione contabile o derivante da perdita di prodotto sottoposto ad accisabombole, gpl.

 Alla società è stata contestata la vendita senza documento fiscale per complessivi 2.074 euro con un’evasione I.V.A. di 456 euro.



In questo articolo: