Sargianti Festival, sette giorni di concerti a Capoterra

Dalla canzone d’autore allo swing e ai caldi ritmi del forrò brasiliano. Tra gli ospiti il parigino Hagop Demirdjian, l’Orchestrina Maccheroni Swing e il cantante dei Sikitikis Alessandro “Diablo” Spedicati

Sette giorni di concerti che spaziano dalla canzone d’autore allo swing e ai caldi
ritmi del forrò brasiliano. Debutta lunedì 24 agosto la prima edizione del Sargianti
Festival, organizzato dal ristorante La Terrazza in collaborazione con l’associazione
culturale “L’Osteria Sonora” e in programma nell’ampio spazio all’aperto allestito nel
locale di piazza Maria Carta a Poggio dei Pini – Capoterra.

L’inaugurazione della rassegna è affidata alla cantautrice cagliaritana Chiara Effe che
salirà sul palco del Sargianti Festival lunedì 24 agosto alle 21.30. Prossima alla
pubblicazione del suo primo disco, Chiara Effe si distingue per la sua musica orecchiabile
che ha fondamenta nella bossa nova, nello swing e nella canzone d’autore italiana. A
Poggio dei Pini suonerà con Marco Caredda alla batteria e pentolini, Rubens
Massidda alla chitarra, Emila Mulas al clarinetto e Andrea Lai al contrabbasso.

Martedì 25 agosto spazio ai sardi Rakia. La formazione, nata nel 2010 e dedicata alla
musica est europea, negli anni ha contaminato il proprio repertorio con sonorità
provenienti da altre parti del mondo e attualmente propone un programma orientato ad
abbattere le frontiere tra generi musicali. Sul palco con Stefania Secci alla voce,
saliranno Matteo Gallus al violino, Riccardo Sanna alla fisarmonica, Matteo Sedda
alla tromba, Fabrizio Lai alla chitarra, Matteo Marongiu al contrabbasso ed
Emanuele Pusceddu alla batteria,

Si balla mercoledì 26 agosto con i Forrò Mior. Il quartetto italo-argentino
propone un concerto esplosivo ed emozionante dedicato al forrò, un ritmo nato nel
nordest del Brasile che sta facendo ballare già tutta Europa. È un concentrato di
divertimento, ritmo e allegria. Il repertorio della formazione, composta da Nico
Farruggia alla voce e chitarra, Alberto Becucci alla fisarmonica, Timoteo Grignani
alla zabumba e Gabriele Stoppa al triangolo – include, oltre ai classici del grande Luiz
Gonzaga, brani di Gilberto Gil, Tom Zè e qualche brano inedito.

Giovedì 27 agosto sul palco del Sargianti Festival arriva direttamente da Firenze
l’Orchestrina Maccheroni Swing, una formazione esplosiva che passa il tempo a
suonare canzoni d’altri tempi. In repertorio brani italiani e internazionali dal sapore
retrò ma straripanti di energia, in cui le improvvisazioni jazzistiche della voce si fondono
con le atmosfere swingeggianti, latine e balcaniche di un ensemble delirante ed eclettico
composto da Piero Gesuè alla voce, Alberto Becucci alla fisarmonica, Gabriele
Stoppa alla batteria, Amedeo Ronga al contrabbasso, Francesco Masi alla tromba e
Jacopo Rugiadi al clarinetto.

Venerdì 28 agosto ancora spazio ad una formazione sarda. In scena i Carovana Folk,
band di sei elementi nata con l’intento di contaminare le sonorità popolari della tradizione
musicale popolare italiana con ritmi rock, progressive, ska, reggae e dance. La formazione
– composta da Andrea Ferrari alla voce e al flauto traverso, Nicolò Nioi alla
fisarmonica, tastiere & elettronica assortita, Sberto “Sathya” Congiu alle chitarre,
Massimo “Max” Diana al basso e Carlo Marongiu alla batteria – propone uno
spettacolo energico e danzante, che oltre ai brani inediti comprende cover riarrangiate dei
più grandi cantautori e gruppi che hanno contribuito a creare la storia della musica
italiana e brani tradizionali del repertorio folk mondiale.

Sabato 29 agosto a dividersi la scena saranno Alessandro “Diablo” Spedicati &
Flavio Secchi. Il frontman dei Sikitikis reduce dal successo dell’ultimo disco “Abbiamo
perso” e impegnato ancora quest’estate nell’Album Tour 2015 con la band cagliaritana, sale
sul palco del Sargianti Festival accompagnato solo dalla sua chitarra. Il cantautore Flavio
Secchi, pronto a tornare in studio per la registrazione del suo secondo disco, propone il
suo primo lavoro cantautorale, l’album Flavio Secchi & the Hall Kitchen, lavoro
indipendente e autoprodotto con il quale ha partecipato all’Ichnusa Music Contest
qualificandosi tra i primi 20 artisti su oltre 600 iscritti. Per l’artista sardo sarà l’occasione
per presentare alcuni dei brani inediti che vedranno la pubblicazione nel suo nuovo lavoro.

La chiusura della prima edizione del festival è affidata domenica 30 agosto all’Hagop
Demirdjian Sextet. Hagop Demirdjian canta da più di dieci anni in svariati gruppi swing
di Parigi. Grande amante di Frank Sinatra e dei grandi crooners italo americani come
Dean Martin, Louis Prima, Tony Bennett , canta gli standards del repertorio jazz e swing
aggiungendoci la sua “french touch”. Si interessa ugualmente alla musica zigana e al tango
e compone e scrive canzoni in francese e inglese. Tanto cantante quanto intrattenitore,
suona sempre per e con il pubblico con l’obiettivo di rendere ogni concerto un momento di
piacere e condivisione tra musicisti e auditori. Al Sargianti Festival sarà accompagnato da
Matteo Gallus al violino, Diego Deiana al violino, Samuele Dessì alla chitarra,
Roberto Boi alla chitarra e Andrea Lai al contrabbasso.