Sardegna, Salvini: “In un anno crollo degli stranieri nei centri d’accoglienza, da quattromila a duemila”

Il ministro dell’Interno leghista commenta i dati del Viminale: “Da 4155 a 2101, a Cagliari sono il 51,1 per cento in meno. I 400 milioni per l’accoglienza utilizzati per le Forze dell’ordine”

Decreto sicurezza, il bilancio del Viminale per la Sardegna: – 49,5 per cento di stranieri nei centri di accoglienza. “Sono stati ottenuti notevoli tagli agli sprechi riducendo i costi dell’accoglienza: circa 400 milioni di euro, reinvestiti in un piano straordinario di assunzioni per 8mila donne e uomini di Forze di Polizia e Vigili del fuoco”, spiegano dal Viminale. Si riducono anche gli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza. In tutta la regione erano 4.155 al 13 maggio 2018, diventati 2.101 al 13 maggio 2019 (-49,43%): a Cagliari -51,18%, -52,58% a Nuoro, -70,66% a Oristano, -44,22% a Sassari.

E il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, esulta ma spiega che c’è ancora molto da fare: “Vogliamo fare sempre di più e meglio, i numeri sono rassicuranti ma non ci accontentiamo.


In questo articolo: