Sardegna, on line una petizione per consentire a cani e gatti di visitare i padroni in ospedale

Una petizione on line per chiedere al consiglio regionale della Sardegna di approvare una norma che consenta ai pazienti ricoverati negli ospedali sardi di ricevere la visita dei propri animali da compagnia

Una petizione on line per chiedere al consiglio regionale della Sardegna di approvare una norma che consenta ai pazienti ricoverati negli ospedali sardi di ricevere la visita dei propri animali da compagnia, in particolare cani e gatti. E’ l’appello che campeggia sul portale Change.org lanciato due giorni fa da Salvatore Cappai, professione avvocato, animalista per passione.

“I dati scientifici raccolti anche in Italia negli ultimi decenni dimostrano gli effetti positivi prodotti sulla salute dal rapporto tra persone ed animali domestici. Si è parlato di una relazione in grado di stimolare l’interesse verso gli altri e di creare un’empatia che spinge anche pazienti socialmente isolati e depressi a reagire e a sentirsi utili” – si legge nella petizione che in 48 ore ha raccolto oltre 500 sostenitori. L’obiettivo  è almeno mille.

“I nostri amici a quattro zampe, oltretutto, offrono le loro migliori cure alle persone che più ne hanno bisogno. I maggiori benefici, infatti, si riscontrano nei bambini, negli anziani e negli ammalati. Gli animali, grazie alla loro naturale capacità di dare e ricevere affetto, calmano l’ansia, trasmettono calore, aiutano a superare lo stress e la depressione. È stato persino dimostrato che accarezzare un animale riduce la pressione arteriosa e contribuisce a regolare la frequenza cardiaca”.

“Le visite degli animali da compagnia (principalmente di cani e gatti), – spiega – sono già una bella realtà in tante regioni italiane, tra cui Lombardia, Toscana e Lazio, per fare solo alcuni esempi”.

Da tempo è stata depositata in Consiglio Regionale della Sardegna una mozione (la n. 61/2019) “affinché siano adottati dei provvedimenti finalizzati ad autorizzare l’accesso degli animali d’affezione nelle strutture sanitarie, ospedali e case di cura, pubbliche e private, al fine di consentire ai padroni ricoverati di poterli salutare ed interagire con loro”).

“Ho deciso,  – conclude  – attraverso questa petizione, di avviare una campagna di sensibilizzazione che solleciti il Consiglio Regionale sardo a votare la mozione riportata o altra analoga che consenta le visite degli animali in ospedale”.

 

Per aderire all’iniziativa è necessario collegarsi a questo link

 

 


In questo articolo: