Accesso ai servizi sanitari, Sardegna promossa. Nieddu: “Abbatteremo le liste d’attesa”

L’assessore regionale alla Sanità commenta i dati del Sol 24 Ore che premiano l’Isola come regioni tra le più in salute per accesso ai servizi sanitari: “Lavoriamo per dare risposte e riallineare tutti i parametri verso l’alto, con soluzioni che portino a risultati come l’abbattimento delle liste d’attesa e la copertura degli specialisti nelle strutture del territorio”

“Quello che emerge dall’indagine è un quadro che, pur non avendo la pretesa di dare una valutazione sul sistema sanitario, offre diversi spunti di riflessione”. Così l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, commenta la fotografia della Sardegna scattata dal quotidiano Il Sole 24 ore che ha stilato l’indice della salute, classifica che ha tenuto conto di dodici parametri su cui si è sviluppata un’indagine strutturata su tre filoni: fenomeni socio-demografici; malattie croniche; accesso ai servizi sanitari. Classifica che premia la Sardegna come regione fra le più in salute. “Un’indagine che offre un punto di vista diverso rispetto all’immagine impietosa della sanità sarda dei record negativi. Questo a sottolineare la complessità della realtà isolana. La Sardegna può contare su strutture adeguate e professionalità sanitarie di alto livello, su cui oggi ricade il peso delle gravi carenze dell’isola ed è grazie alla responsabilità e allo spirito di servizio di queste figure che la nostra sanità è andata avanti in questi anni. Ora lavoriamo per dare risposte e riallineare tutti i parametri verso l’alto, con soluzioni che portino a risultati come l’abbattimento delle liste d’attesa e la copertura degli specialisti nelle strutture del territorio”.

Una giornata di sopralluoghi ai presidi sanitari del sassarese. L’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu, ha visitato oggi l’ospedale civile e l’ospedale marino di Alghero, il presidio dell’elisoccorso del 118 all’interno dello scalo militare di Fertilia, gli ospedali dell’AOU di Sassari e l’ospedale Antonio Segni di Ozieri. “Proseguiremo con le visite ai presidi sanitari della Sardegna – spiega l’assessore – per confrontarci con gli operatori sanitari e toccare con mano le criticità. Ogni elemento raccolto è utile e servirà a trovare le soluzioni migliori alle specifiche problematiche dei territori”.

Presenti, oltre all’assessore Nieddu, il presidente del Consiglio regionale, Michele Pais, e i consiglieri Domenico Gallus, Dario Giagoni, Piero Maieli e il deputato sardo Guido De Martini, membro della commissione Sanità della Camera.

 


In questo articolo: