Sardegna, denuncia di un ragazzo gay: “Donazione di sangue negata, è omofobia?”

Un giovane sardo, residente da tempo all’estero, vuole donare il sangue. Una volta arrivato all’ospedale, la doccia fredda: “No, non sappiamo che fa ad Amsterdam”. L’Assl smentisce nettamente: “Nessuna discriminazione, nel questionario che ha compilato è risultato un motivo di esclusione dalla donazione”

Va al centro donazione di Oristano per donare il sangue, ma si becca un rifiuto: “Non posso prenderle il sangue perchè non so che cosa lei faccia ad Amsterdam”. Sarebbe questa la riposta data da un infermiere a Andrea Pisano, giovane  nato a Oristano ma da tempo residente in Olanda. La sua denuncia corre sul web, e le polemiche infuriano. Ecco che cosa ha scritto il ragazzo.

“Complimenti al centro donazione Oristano: ‘Io non posso prenderle il sangue perché non so che cosa lei faccia ad Amsterdam’. Tengo l’anonimo per questa persona perché sono fin troppo buono. Io volevo mostrare le mie analisi fatte ad Amsterdam per dimostrare che ero sano e lui non voleva. Omofobia? Fate voi. Io l’ho sentita e anche molto. Complimenti Italia, sempre indietro.Felicissimo di non vivere più in questo paese di m****”.

Ma l’Ats Sardegna, per conto della Assl di Oristano, smentisce nettamente e fornisce un’altra versione dei fatti: il ragazzo “non è stato ammesso alla donazione del sangue in quanto dal questionario da egli stesso compilato e conservato agli atti – questionario previsto dal decreto del Ministero della salute del 2 novembre 2015, in cui sono contenuti i requisiti di qualità e sicurezza per la donazione del sangue – è risultato un motivo di esclusione dalla donazione. Si precisa che, nel caso in cui risultino dal questionario motivi di esclusione, il medico ha il dovere di escludere il candidato donatore, per non pregiudicare la salute dello stesso donatore o del ricevente. Allo stesso tempo, è indispensabile che i candidati donatori compilino con la massima sincerità il questionario, per non mettere a rischio la propria salute e quella del ricevente”.