“Sardegna da proteggere, controlli e test anti Covid nei porti e negli aeroporti anche in estate”

Migliaia di passeggeri sbarcati, anche ieri, nell’Isola. L’assessore Todde: “Dobbiamo difendere l’Isola e la stagione turistica, ingressi monitorati anche con Protezione Civile, barracelli e forestale”. GUARDATE la VIDEO INTERVISTA

Sono stati 1878 i passeggeri controllati, tra il 24 e il 25 marzo, in tutti i porti e aeroporti sardi. Le verifiche della Regione, col supporto di Ats e forestali, vanno quindi avanti. Ma si pensa già all’estate. La speranza è che le restrizioni, tra qualche mese, siano più morbide. Ma l’Isola dev’essere comunque costantemente difesa da possibili nuovi contagi. A confermarlo è l’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde: “L’Isola è da difendere, mercoledì sarò con l’assessore Nieddu a Olbia, dove inaugureremo uno spazio dedicato ai tamponi in aeroporto, sia in entrata sia in uscita. E i controlli andranno avanti anche in estate, con l’aiuto di Protezione Civile, barracelli e forestale. Monitoreremo gli accessi per un’estate sicura”, assicura Todde. Insomma, l’ordinanza di Solinas, valida sino al sei aprile prossimo, sembra proprio che sarà prorogata. E di molto, anche, visto che l’estate inizia a giugno e termina a settembre.

 

Intanto, novità anche sulla vicenda della continuità territoriale: “Abbiamo firmato la proroga sino al 28 ottobre, in attesa della stesura del nuovo bando che è pronto e lo condivideremo col ministero per andare, insieme, a Bruxelles”, afferma Todde. “Tutti i biglietti sono in vendita, così abbiamo anche preservato la stagione turistica, sappiamo quanto è importante per il Pil e per i posti di lavoro”.