Sardegna, compra in Svizzera la Golf fiammante: dovrà pagare venti volte in più l’Iva e le tasse evase

La clamorosa beffa dopo il “trucco”: acquista l’auto in Svizzera evadendo tasse, ma viene sorpreso allo sbarco dagli agenti delle Dogane. E la multa è da record

Sardegna, compra in Svizzera la Golf fiammante: dovrà pagare venti volte in più l’Iva e le tasse evase. La clamorosa beffa dopo il “trucco”: acquista l’auto in Svizzera evadendo tasse, ma viene sorpreso allo sbarco dagli agenti delle Dogane. E la multa è da record.

Nell’ambito di un controllo volto a contrastare i casi di contrabbando, i funzionari ADM di Sassari, in servizio presso la Sezione Operativa Territoriale di Porto Torres, hanno operato il sequestro amministrativo, finalizzato alla confisca, di un’autovettura immatricolata in Svizzera e introdotta nel territorio comunitario senza avere assolto i diritti di confine, ossia il dazio e l’IVA, cui sono assoggettate tutte le merci provenienti dai paesi extracomunitari.

L’auto, una Volkswagen Golf GTI, acquistata in Svizzera da un cittadino italiano, non possedeva i requisiti per l’importazione in franchigia, che viene concessa solo alle persone fisiche che trasferiscono la propria residenza nel territorio doganale della UE, dopo una permanenza all’estero di almeno dodici mesi e un utilizzo del veicolo per un periodo di sei mesi nel luogo della precedente residenza.

Pertanto, l’irregolare introduzione nel territorio comunitario in violazione degli art. 216, 282 e 292 del DPR n. 43/73 (Testo Unico Leggi Doganali), ha comportato l’applicazione dell’art. 295-bis, che prevede una sanzione amministrativa dal doppio al decuplo dei diritti evasi.


In questo articolo: