Sardegna bianca da lunedì ma non sarà un liberi tutti: “Riaperture prudenti e graduali”

L’Isola in zona bianca dal 31 maggio, riapre tutto ma dalla Regione potrebbero arrivare alcune limitazioni. Solinas ragiona su un’ordinanza all’insegna della prudenza che arriverà, però, non prima di lunedì

Dal 31 maggio la Sardegna ritorna in zona bianca, ma non sarà un liberi tutti. Stando a quanto si apprende da fonti interne alla Regione, infatti, il presidente Christian Solinas potrebbe firmare un’ordinanza con una serie di punti per “riaperture prudenti e graduali”, come aveva già fatto più di due mesi fa, quando l’Isola aveva conquistato per la prima volta la zona bianca, all’epoca unica regione in Italia. Tra poco più di 48 ore riapre tutto e non ci sarà più il coprifuoco. Ma è proprio in vista di una ripartenza totale che potrebbero arrivare alcuni paletti. Quali? Probabilmente un divieto di sosta in alcuni grandi luoghi (come piazze o lungomare) dopo una certa ora, proprio per evitare assembramenti.
Difficile pensare a un coprifuoco, invece, almeno per il momento, soprattutto dopo la cancellazione decisa, a livello nazionale, proprio per le zone bianche. Ciò che appare certo è che il documento di Solinas arriverà non prima di lunedì, proprio al “battesimo” della zona bianca.


In questo articolo: