“Sardegna, 130 Oss licenziati dall’Ats in piena emergenza Covid: Solinas faccia marcia indietro”

Questa la richiesta urgente di Tore Piana di “Energie per l’Italia”, che denuncia una situazione preoccupante per questi lavoratori sardi: “Non si capisce come mai , in un momento di grave situazione, come quello che stiamo attraversando a causa del Virus COVID 19, con la struttura sanitaria Regionale,  messa a dura prova e con la forte necessità di avere disponibile personale sanitario, si sia proceduto a non riconfermare  in  Sardegna circa 130 persone”

“Sardegna, 130 Oss licenziati dall’Ats in piena emergenza Covid: Solinas faccia marcia indietro”. Questa la richiesta urgente di Tore Piana di “Energie per l’Italia”, che denuncia una situazione preoccupante per questi lavoratori sardi: “Non si capisce come mai , in un momento di grave situazione, come quello che stiamo attraversando a causa del Virus COVID 19, con la struttura sanitaria Regionale,  messa a dura prova e con la forte necessità di avere disponibile personale sanitario, si sia proceduto a non riconfermare  in  Sardegna circa 130 persone, con qualifica OSS che sono inserite nelle liste dei concorsi 2015/2017 e che a oggi sono stati chiamati dalle ASL/ATS per prestare servizio nelle strutture pubbliche con contratti a tempo determinato, acquisendo a oggi una importante esperienza diretta. Ebbene a oggi queste figure hanno il contratto in scadenza tra il mese di APRILE e MAGGIO, ed in questi giorni hanno ricevuto la lettera da parte dell’ATS Sardegna di risoluzione del contratto lavorativo. Una situazione , assurda che va bloccata immediatamente”. Per questo motivo, conclude Tore Piana a nome di EPI Sardegna, oggi ho inviato una seconda nota urgente al Presidente Solinas, all’assessore alla Sanità Nieddu e al Commissario ATS Steri, affinchè  dispongano la loro conferma del contratto e provvedano alle assunzioni a tempo indeterminato nel sistema sanitario regionale.


In questo articolo: