Sara Di Pietrantonio, ergastolo all’ex fidanzato che l’ha uccisa: pena aumentata col carcere a vita

Pena pesantissima, aggravata e aumentata per l’ex guardia giurata Vincenzo Paduano che l’aveva aggredita a Roma mettendole fuoco nel quartiere della Magliana: riconosciuto lo stalking oltre al terribile omicidio

Sara Di Pietrantonio, ergastolo all’ex fidanzato che l’ha uccisa: pena aumentata col carcere a vita. Pena pesantissima, aggravata e aumentata per l’ex guardia giurata Vincenzo Paduano che l’aveva aggredita a Roma mettendole fuoco nel quartiere della Magliana. Dopo il rinvio degli atti da parte della Corte di cassazione infatti, la Corte d’Assise d’Appello aveva imposto un nuovo processo ritenendo il reato di stalking non assorbito in quello di omicidio, come invece  era stato ritenuto nel primo verdetto di appello che aveva condannato l’uomo a 30 anni di reclusione. Una vicenda terribile quella di Sara, che oggi si conclude con la condanna all’ergastolo dell’uomo che l’aveva tormentata e poi ammazzata. Nel 2017 il giovane era stato già condannato all’ergastolo col rito abbreviato, ma in Appello la pena gli era stata ridotta a trent’anni.


In questo articolo: