Sant’Efisio 2020 a lutto, il sindaco Truzzu: “Avrei voluto dirti solo ciao, torneremo presto a vivere e sorridere insieme”

Le parole commosse del sindaco di Cagliari nell’unico primo maggio della storia in cui è stato impossibile toccare il Santo: “Affidarti le mie preghiere, i miei pensieri e le mie speranze, sotto Palazzo Bacaredda. E simbolicamente quelle di tutti i cagliaritani. Non è stato fisicamente possibile, ma so bene che tu ci ascolti sempre e comunque”

Sant’Efisio 2020 a lutto, il sindaco Truzzu: “Avrei voluto dirti solo ciao, torneremo presto a vivere e sorridere insieme”. Le parole commosse del sindaco di Cagliari nell’unico primo maggio della storia in cui è stato impossibile toccare il Santo: “Affidarti le mie preghiere, i miei pensieri e le mie speranze, sotto Palazzo Bacaredda. E simbolicamente quelle di tutti i cagliaritani.
Non è stato fisicamente possibile, ma so bene che tu ci ascolti sempre e comunque.
E allora ti dico che seppur nel dolore e nella privazione oggi è comunque un giorno di festa, consapevolezza e speranza.
La consapevolezza di aver riscoperto ciò che è veramente essenziale.
La speranza di riappropriarci della nostra vita. Terminare la clausura, tornare al lavoro, poter incontrare di nuovo amici e parenti.
Perché questo è quello che vogliamo e dobbiamo fare. Ancora una volta ci starai vicino e accompagnerai la nostra rinascita.
Torneremo presto a vivere e a sorridere insieme”, le parole di speranza del sindaco Paolo Truzzu. 


In questo articolo: