Sant’Avendrace si ribella: “Siamo il quartiere dei disagi e delle incompiute, viviamo nel caos più totale”

Il comitato di quartiere alza la voce: dall’housing sociale al parco di San paolo, dal progetto del nuovo viale interrotto con un cantiere infinito, il degrado è dappertutto nel rione alle porte di Cagliari. Fabrizio Anedda, portavoce del comitato, spiega nei dettagli la situazione di appalti ormai fantasma


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Sant’Avendrace si ribella: “Siamo il quartiere dei disagi e delle incompiute, viviamo nel caos più totale”. Il comitato di quartiere alza la voce: dall’housing sociale al parco di San paolo, dal progetto del nuovo viale interrotto con un cantiere infinito, il degrado è dappertutto nel rione alle porte di Cagliari. Fabrizio Anedda, portavoce del comitato, spiega nei dettagli la situazione di appalti ormai fantasma: “In questi giorni si sono svolte delle riunioni volte ad analizzare lo stato del quartiere. L’ultima, ieri sera alla presenza del già assessore all’urbanistica prof. G.M. Campus e di due candidati, Stefania Mercurio e Antonello Gregorini, per la Lista CIvica Cagliari che Vorrei. Alla luce di quanto emerso esponiamo quanto segue. – Nel 2016/17 fu presentato il “Progetto per la predisposizione del Programma straordinario di intervento per la riqualificazione urbana e la sicurezza del quartiere di Sant’Avendrace” , con grande risalto mediatico e presentazione pubblica nel quartiere. In allegati trasmettiamo la relazione generale reperibile anche in internet. Il progetto fu finanziato. I tre lotti principali riguardavano 1. la riqualificazione delle strade, dei servizi e sottoservizi del quartiere; 2. la realizzazione del Parco di San Paolo; 3. il Social Housing nell’ex Mattatoio di via Po. – 1. L’appalto per le strade e i sottoservizi sappiamo bene come andò. Probabilmente il progetto era carente, l’impresa fallì lasciando le strade aperte e il quartiere, già in forte degrado, devastato dai residuati del cantiere. 2. Il Parco di San Paolo non è mai partito. O meglio, risulta partito in carenza di espropri, quindi fermatosi, supponiamo, con riserve dell’impresa e danni collaterali. Il percorso che collegava San Paolo con il quartiere è sparito dai nuovi progetti, pur essendo un servizio fondamentale per tutti, senza il quale San Paolo sarà sempre un po’ estraneo a Sant’Avendrace, separato dalle linee ferroviarie. Risulta inoltre che il privato Sgaravatti abbia receduto dal Partenariato, elemento essenziale per accedere e infine utilizzare il finanziamento. Noi speriamo che il Comune abbia trovato un sostituto e stia provvedendo, diversamente i fondi cadranno in perenzione, in assenza di proroghe già da questo fine anno. 3. Il Social Housing non è mai stato realizzato. Forse perché progettare delle abitazioni, sopra i resti di Santa Igia non era già in origine un buon viatico. Così, dopo i primi saggi archeo-gnostici, tutto si è fermato. Anche in questo caso soldi persi. Possiamo dire che per noi si tratta di un disastro totale e siamo stanchi di essere presi in giro e di questa assenza di notizie. – Ciò premesso, la realtà di noi cittadini di questo quartiere, in totale decadimento, anche a causa del blocco del Grande Parco di Tuvixeddu, è che non sappiamo che fine faranno i fondi destinati al miglioramento delle vite quotidiane delle nostre famiglie. Siamo in prossimità delle elezioni comunali. Ogni dibattito fra candidati sindaci è un fiorire di ideali progetti e un disegnare una meravigliosa città. La realtà è triste e diversa, soprattutto in questo quartiere. Con questo COMUNICATO STAMPA chiediamo pubblicamente che i Consiglieri Comunali, i Candidati per la carica di Sindaco, ci rispondano e ci dicano, in totale sincerità e trasparenza, con onestà, qual è la situazione di quei progetti, e garantiscano il recupero e l’utilizzo dei fondi, ove e se possibile”, conclude Fabrizio Anedda del comitato di quartiere di Sant’Avendrace.


In questo articolo: