San Sperate, rimossa la pista da skateboard dal parco Ispinargius

La pista da skate è stata momentaneamente rimossa per questioni legate alla sicurezza

San Sperate – Rimossa la pista da skate board dal parco di Ispinargius per questioni legate alla sicurezza e all’incolumità delle persone. Il sindaco Collu si rivolge ai giovani: ” Datemi tempo una settimana, giusto il tempo per confrontarmi con uffici e collaboratori per avere un quadro più preciso su costi e adempimenti tecnici necessari e poi potete contattarmi per fissare un appuntamento. Mi rendo disponibile a qualsiasi orario a partire da lunedì 2 agosto. Se volete anche prima, però ripeto, ho necessità di avere anche io delle informazioni prima di potervi prospettare qualsiasi cosa. Vi aspetto”.

Con segnalazione pervenuta al comune via pec a giugno da parte del Gestore del Parco di Is Spinargius, alla quale veniva allegata relazione tecnica a firma di un professionista da quest’ultimo incaricato, sono state evidenziate criticità e condizioni di degrado della pista da skate installata nel parco urbano comunale. A seguito di questa segnalazione la responsabile dell’ufficio tecnico ha effettuato un sopralluogo il 10 luglio riscontrando segni di vetustà e deterioramento della struttura sportiva montata alla fine degli anni novanta. La responsabile ci ha inoltre comunicato che nel 2019 è stata revisionata la normativa in materia di installazione di pista da skate board con la conseguente introduzione di stringenti prescrizioni non richieste e non contemplate al momento della costruzione della pista esistente attualmente, quindi ormai da considerare fuori norma.
Ha inoltre comunicato che l’adeguamento normativo e la manutenzione straordinaria dell’intera area di pertinenza della pista allo stato attuale richiederebbero un intervento oneroso che dovrà essere quindi valutato dall’Amministrazione Comunale alla quale dovranno essere forniti dettagli tecnici e il quadro delle spese necessarie per eseguire l’intervento.
“Tale circostanza oggettiva – si legge nel comunicato del comune – ci ha praticamente obbligati a valutare le due alternative possibili che ci sono state presentate per garantire la sicurezza e l’incolumità degli avventori: procedere o all’interdizione temporanea dell’area in oggetto o alla rimozione dell’apparecchiatura.
Ritenendo l’interdizione temporanea, attraverso la posa di transenne, piuttosto che attraverso la delimitazione con nastro di protezione, possa pregiudicare la fruizione comoda e agevole del parco da tutti gli altri visitatori, abbiamo ritenuto opportuno procedere alla rimozione della struttura.
Ora saranno avviate le procedure per valutare a quanto ammontino le spese necessarie per la messa a norma della struttura e quali siano i lavori tecnici necessari che permettano al paese di avere una pista di skate, efficiente e a norma”


In questo articolo: