San Sperate: prima scappa, poi si barrica in auto per evitare i carabinieri

Dopo un’inutile trattativa, solamente l’effrazione di un finestrino ha consentito ai carabinieri di aprire l’auto e bloccare l’uomo, in evidente stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di alcol.

Ieri a San Sperate, i carabinieri della locale Stazione hanno tratto in arresto per resistenza a pubblico ufficiale un 50enne di Assemini, disoccupato, con precedenti denunce a carico. Questi, durante un controllo alla circolazione stradale, non ha ottemperato all’alt imposto dai militari e si è dato alla fuga a bordo di un’Opel Corsa di sua proprietà. Gli operanti, postisi all’inseguimento del mezzo, sono riusciti a bloccarlo solamente ad Assemini dove l’ex fuggitivo, inveendo contro gli operatori, si era chiuso all’interno del veicolo rifiutando di farsi identificare. Dopo un’inutile trattativa, solamente l’effrazione di un finestrino ha consentito ai carabinieri di aprire l’auto, bloccare l’uomo in evidente stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di alcol, e procedere a perquisizione veicolare che ha dato modo di rinvenire e sottoporre a sequestro penale un coltello a serramanico e un bastone in legno.  Il fermato è stato condotto in caserma a San Sperate e, al termine della redazione dei verbali relativi agli accadimenti occorsi, è stato trasferito presso la propria abitazione, in regime di arresti domiciliari, in attesa del rito direttissimo che si terrà oggi presso il Tribunale di Cagliari. E’ stato inoltre denunciato per guida in stato di ebbrezza alcolica per essersi rifiutato di effettuare il test etilometrico.


In questo articolo: