Samassi, il Covid anche quest’anno spegne il carnevale: niente sfilate e grandi eventi, ma “nessuno vieta ai bambini di mascherarsi”

La festa più allegra dell’anno dovrà attendere: “Ancora un po’ di pazienza perché non ci sono le condizioni per organizzare le grandi manifestazioni pubbliche a cui ognuno di noi vorrebbe partecipare. Non solo perché le restrizioni in vigore a livello nazionale sono ancora stringenti, ma anche perché gli attuali 123 casi di positività rilevati a Samassi consigliano prudenza”

Samassi, il Covid anche quest’anno spegne il carnevale: niente sfilate e grandi eventi, ma “nessuno vieta ai bambini di mascherarsi per andare a giocare al parco con gli amici o comprare una zeppola da mangiare in piazza con i genitori” comunica il sindaco Pusceddu.
La festa più allegra dell’anno dovrà attendere: “Ancora un po’ di pazienza perché non ci sono le condizioni per organizzare le grandi manifestazioni pubbliche a cui ognuno di noi vorrebbe partecipare. Non solo perché le restrizioni in vigore a livello nazionale sono ancora stringenti, ma anche perché gli attuali 123 casi di positività rilevati a Samassi consigliano prudenza”. Meta di ritrovo per migliaia di persone che, ogni anno, affollavano in questo periodo le vie principali del paese, Samassi non rinuncerà, però, del tutto al carnrvale: “Non significa che dobbiamo rinunciare alla festa, in particolare per i bambini, dobbiamo solo provare a farlo in misura più intima, in forma più familiare, diradata e responsabile. Mentre ci sono precise restrizioni che limitano le attività a scuola e le iniziative pubbliche – prosegue Enrico Pusceddu – nessuno vieta ai bambini di mascherarsi per andare a giocare al parco con gli amici o comprare una zeppola da mangiare in piazza con i genitori. Nessuno vieta maschere e coriandoli.
In tante occasioni abbiamo parlato con piacere del carnevale samassese del passato, quello che sempre, anche con poco, riusciva a coinvolgere gruppi di amici e famiglie in momenti di svago che nascevano dalla passione e prescindevano da quello che poi sarebbe stato il programma pubblico dell’evento. Bene, in questo periodo dobbiamo solo provare a riaffidarci a quello spirito per resistere, tutelarci e prepararci per tempi migliori che sicuramente arriveranno.
Allora si che rifaremo grandi feste in piazza a cui parteciperemo con gioia tutti quanti, Sindaco compreso”.


In questo articolo: