Salvini a Cagliari: “Telecamere e cani antidroga nelle scuole, chi è contrario o spaccia o si fa”

” Il ministro dell’Interno conferma la “stretta” sicurezza: “Ci sono i soldi anche per i lavori interni agli istituti. Chi non ha nulla da nascondere non teme i controlli”

” Il ministro dell’Interno conferma la “stretta” sicurezza: “Ci sono i soldi anche per i lavori interni agli istituti. Chi non ha nulla da nascondere non teme i controlli” Sicurezza nelle scuole, Matteo Salvini a Cagliari conferma la volontà di maggiori controlli delle Forze dell’ordine, soprattutto dopo i risultati del progetto “Scuole sicure”, “Abbiamo recuperato cinque chili di droga, che sennò sarebbero entrati nelle aule, grazie al lavoro della polizia locale. Il ministero dell’istruzione ha messo 3 miliardi di euro per la manutenzione ordinaria e straordinaria degli istituti, una scuola funziona se è sicura l’aula magna e se le lavagne fanno le lavagne”. Nei mesi scorsi gruppi di studenti hanno manifestato in piazza contro i controlli e le telecamere. Salvini è netto: “Si va a scuola non per farsi o per spacciare. Chi non ha nulla da temere non ha problemi di vedere una divisa, cani antidroga o videocamere fuori dalle scuole medie o dai licei”. E, se uno è contrario, “è perché si droga o perché si fa”.