Roma-Cagliari 4 a 0, Ranieri ora basta: i rossoblù in A con Giulini collezionano figuracce

Poker dei giallorossi contro un Cagliari letteralmente inesistente, sia in difesa che in attacco. Terza sconfitta di fila, squadra penultima e senza gioco, carattere e anima. Tifosi infuriati e delusi sui social e allo stadio

Il Cagliari del presidente Giulini continua a collezionare figuracce e sconfitte. Anche a Roma, sponda giallorossa, è notte fonda: i padroni di casa vincono 4-0 e dei sardi messi in campo da Ranieri non si salva quasi nessuno. Il primo gol dopo un minuto con Pellegrini che sfrutta un errore di in difesa di Petagna su corner di El Shaarawy. Il Cagliari colpito subito fa fatica a rialzarsi, lo stesso Petagna è autore di un colpo di testa che non impensierisce la difesa giallorossa. Il raddoppio al minuto 23: Obert non trattiene la palla, El Shaarawy fa un tunnel a Zappa e la palla finisce a Dybala che fa 2-0.

 

 

 

Nella ripresa la Roma è ancora padrona del campo e va in rete altre due volte, con Dybala su rigore causato da un tocco di mani di Petagna e un colpo di testa di Hujsen. Il Cagliari non punge mai, nel finale la Roma si vede annullare il quinto gol. Rossoblù penultimi in classifica, mai scesi in campo. E sabato c’è la sfida all’altra squadra della Capitale, quella Lazio che in campionato sta faticando tantissimo e sta facendo un campionato, sinora, anonimo. La speranza è che non diventi l’ennesima squadra resuscitata dal Cagliari.


In questo articolo: