Roberto Massa morto a Quartu, lo strazio di parenti e amici: “Un grande aiutante nella casa di Dio”

Tutti conoscevano il 52enne vittima dello schianto tra la sua Honda e una Citroen per il ruolo di diacono nella chiesa di Sant’Elena. Parole, consigli e aiuti concreti hanno caratterizzato la sua vita. Il dolore di uno dei figli: “Papà vi porterà con lui ovunque sia”.


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

A Quartu è il giorno del grande dolore, prima dell’ultimo saluto a Roberto Massa con il funerale che sarà celebrato nella sua “casa”, la parrocchia di Sant’Elena. Tutti conoscevano quel “gigante buono” per il ruolo di diacono. Una parola di conforto, ma anche tanti atti concreti di aiuto: Massa non si girava mai dall’altra parte, aiutava sino a che un problema non era risolto e gioca nel vedere sorridere gli altri. Sposato, con tre figli, il suo lavoro da titolare di una ditta di autospurgo gli ha permesso di mantenere e non fare mai mancare nulla alla famiglia e di poter alternare la vita casalinga con quella del servizio alla chiesa. Stava tornando a casa in sella alla sua Honda quando, all’incrocio tra via Livorno e via Cagliari si è scontrato con la Citroen guidata da un uomo: impatto nemmeno tanto forte ma, purtroppo, fatale. I soccorritori sono stati rapidi a intervenire ma non hanno potuto fare altro che constatare il decesso del cinquantaduenne.
“Noi Roberto lo conoscevamo bene, aveva sempre il sorriso per tutti, come da buon diacono una parola di conforto per tutti, è stato un grande aiutante nella casa di Dio e proprio Dio lo ha voluto con se”, scrive Damiano Meloni. “È in questo choc che ha colpito Quartu e per chi, come noi, conosceva Roberto, che tutto il gruppo Facebook Quartu Sant’Elena 09045 si stringe al dolore di tutta la famiglia per questa tragica scomparsa. Roberto rimarrà sempre nel mio cuore e penso nel cuore di tanti, con il suo sorriso”. Uno dei figli del diacono, Federico, affida ai social in breve ma intenso pensiero: “Grazie ad ognuno di voi per aver speso anche solo un secondo per ricordare mio papà. Ne sarebbe stato contento davvero, vi porterà con lui ovunque sia”.


In questo articolo: