Regione, tagli alla Sanità: “Rischio licenziamenti nelle strutture private”

Tocco, Fi: <>

<<La Regione sta riducendo in modo sempre più consistente i tetti di spesa per le prestazioni assistenziali erogate dai centri accreditati, trascinando così nel baratro dei servizi strategici per la sanità isolana>>. Si ribella il vicepresidente della commissione salute del consiglio regionale Edoardo Tocco (FI): <<Inammissibile procedere con queste scelte deleterie che potrebbero portare la paralisi dei poli privati – aggiunge l’esponente degli azzurri – L’ultimo segnale preoccupante (in ordine di tempo) arriva dalle delibere che confermano la sforbiciata dei budget alle strutture>>.

Tocco assicura: <<Un impegno forte del parlamentino regionale per ascoltare le esigenze delle strutture convenzionate. Chiedo un summit urgente con l’assessore della sanità perché possa conoscere i disagi che si stanno riproducendo dalle cliniche alle residenze assistite sino agli studi specialistici ed ai centri di riabilitazione>>.

Un quadro desolante, perché la continua diminuzione delle risorse da assegnare alle strutture si riverberano sugli operatori: <<Il rischio è non solo per la diminuzione delle prestazioni erogate, con la sospensione delle attività socio assistenziali a favore dei soggetti deboli – conclude Tocco – ma anche per l’incertezza sui lavoratori dei centri convenzionati, con licenziamenti nelle principali strutture private>>.


In questo articolo: