Regione Sardegna, riparte il toto assessori: in pole Chessa, Zedda e Truzzu

Il coordinatore regionale della Lega ha dato il via. Dopo la proclamazione degli eletti entrano nel vivo le trattative per la composizione della giunta regionale. La Sanità alla Lega che avrà 3 assessorati. Due a testa a Psd’Az, Riformatori e Forza Italia

E ora riparte al toto assessori. Il coordinatore regionale della Lega ha dato il via. Dopo la proclamazione degli eletti entrano nel vivo le trattative per la composizione della giunta regionale.

Se verranno confermati i 12 posti nell’esecutivo la formazione dovrebbe essere composta da 3 assessori della Lega, due di Psd’Az, Riformatori e Forza Italia e 1 a testa Fdi, Udc e Sardegna 2020 e un altro a Fortza Paris o Sardegna Civica se qualche partito più rappresentato dovesse ottenere la presidenza del consiglio regionale.

La Sanità andrà alla Lega e il nome che circola è quello del medico in pensione Francesco Badessi, mentre gli altri due potrebbero essere Luca Erba e Giorgio Todde. La Programmazione probabilmente andrà a Forza Italia (Alessandra Zedda) che punta anche all’Urbanistica dove andrebbe Giuseppe Fasolino. L’Urbanistica però piace anche ai Riformatori che potrebbero puntare su Noemi Migliavacca o Giorgio Angius. Gli stessi Riformatori potrebbero avere anche il Turismo (Luigi Crisponi). Al Psd’Az Lavori pubblici o Lavoro (Gianni Chessa in ballottaggio con un assessore di Fdi Rubiu o Lampis) e Cultura (Antonio Moro). Andrea Biancareddu (Udc) potrebbe avere l’Ambiente o i Trasporti. Un posto in giunta anche per Ignazio Locci (Sardegna 2020) e Franco Cuccureddu (Sardegna Civica). Per la presidenza del Consiglio i nomi sono quelli di Antonello Peru, Fi, Michele Cossa, Riformatori e Paolo Truzzu, Fdi.