Regione, aiuti per 800 euro alle famiglie sarde in difficoltà: “Attenzione, inoltrate la domanda solo dopo l’avviso del Comune”

Arrivano gli aiuti della Regione alle famiglie sarde in difficoltà, ma come ci si può mettere in fila per ottenerli? Un importante chiarimento arriva dal sindaco di Capoterra, Francesco Dessì

Arrivano gli aiuti della Regione alle famiglie sarde in difficoltà, ma come ci si può mettere in fila per ottenerli? Un importante chiarimento arriva dal sindaco di Capoterra, Francesco Dessì: “Carissimi concittadini, voglio comunicare che onde evitare malintesi, la domanda di contributo della Regione prevede un sostegno di 800 euro ma dovrà essere inoltrata al protocollo dopo un avviso ufficiale pubblicato dal Comune, e firmato da un funzionario competente”. Dunque i Comuni, come dichiarato oggi dal Governatore Solinas, hanno ricevuto un acconto del 20 per cento dei soldi, e ora emetteranno un avviso ufficiale. Si dovrebbe partire come annunciato dalle regole del Reis.

“Diamo un sostegno immediato alle famiglie sarde e – a pochi giorni dall’approvazione della legge e delle delibere attuative per fronteggiare questa emergenza – passiamo alla fase operativa”. Così il presidente della Regione, Christian Solinas, annuncia il via libera della Regione al pagamento del primo acconto ai Comuni, (23 milioni e 700 mila euro) pari al 20% (13.8) per i Comuni con popolazione inferiore ai 30 mila abitanti ed al 50% (9.9 )per quelli con popolazione uguale o superiore ai 30 mila abitanti da destinare alle famiglie della Sardegna, quale urgente intervento per affrontare l’emergenza economica e sociale in atto.

“Rispondiamo al forte bisogno di immediata liquidità da parte delle famiglie sarde. È nostra intenzione mettere subito i Comuni nella condizione di erogare le prime risorse ai cittadini in tempi brevi prevedendo una procedura semplificata versando subito l’acconto alle amministrazioni comunali che ora sono in grado di pubblicare gli avvisi e fare i primi pagamenti”, sottolinea l’assessore della Programmazione, Giuseppe Fasolino, che puntualizza: “La suddivisione tra i Comuni prende come riferimento iniziale i criteri di ripartizione del Reis, successivamente si procederà ad aggiornare le somme dovute ai singoli Comuni sulla base dell’effettivo fabbisogno comunicato. Ma la certificazione delle economie del Reis potrà essere fatta anche successivamente all’avvio dei pagamenti”.

Le risorse stanziate sono finalizzate all’erogazione dei contributi da 800 euro mensili alle famiglie sarde rimaste senza reddito a causa dell’emergenza Covid-19. Possono accedere al contributo i disoccupati, i lavoratori dipendenti, gli autonomi, i lavoratori co.co.co, i titolari di Partita IVA la cui attività è stata compromessa a causa della diffusione del virus. Per nuclei familiari superiori a tre unità è previsto un incremento di 100 euro per ogni componente.

“Siamo al fianco delle famiglie e della comunità sarda, non vogliamo lasciare indietro nessuno e stiamo lavorando affinché ci sia la percezione concreta che la Regione è mobilitata senza sosta per sostenere chi oggi è in difficoltà”, conclude l’esponente della Giunta Solinas.

 


In questo articolo: