Quartucciu, mega area cani accanto all’asilo: mamme e papà in rivolta

L’ha deciso la giunta comunale: uno spazio verde di quasi 3 mila metri quadrati per far scorrazzare i cani a due passi dalla scuola dell’infanzia di via Verdi. Genitori dei bimbi su tutte le furie raccolgono le firme per il no: “La zona non è idonea per questione di igiene e sicurezza”

Di Ennio Neri

Un’area cani di quasi 3 mila metri quadrati accanto all’asilo. L’ha deciso la giunta comunale di Quartucciu. Che dato luce verde a un progetto che sta facendo infuriare mamme e papà dei bambini della scuola dell’infanzia di via Verdi.

Perché i genitori dei piccoli della scuola, proprio due giorni prima dell’approvazione della delibera avevano depositato una petizione, forte di 74 firme, (quasi tutti i genitori dei bambini iscritti all’istituto), promossa per protestare contro la decisione (la cui voce già circolava nella cittadina dell’hinterland cagliaritano), di far scorrazzare i cani accanto al cortile della scuola.

La delibera contestata della giunta di Quartucciu risale al 28 febbraio scorso, quando l’esecutivo individua un’area verde comunale (2 mila e 700 metri quadrati) tra le vie Verdi, Bellini e Vivaldi come “luogo riservato ed appositamente attrezzato per l’accesso libero ai cani, provvisto di spazio per lo sgambamento e per la corsa in libertà”. E il tutto con l’obiettivo di “favorire il benessere degli animali in un ambiente a loro riservato, in un’area opportunamente delimitata da recinzione perimetrale, con alberi, fontanella per abbeverare i cani, cestini per la raccolta delle deiezioni e panchine”.

Fissate anche alcune regole: il cane dovrà essere tenuto al guinzaglio sino all’interno dell’area e liberato solo dopo aver verificato tutte le condizioni di sicurezza e opportunità e i conduttori dovranno sempre vigilare sulla condotta del proprio animale e dovranno essere muniti di apposita attrezzatura per la raccolta delle deiezioni del proprio cane e provvedere alla raccolta delle stesse.

L’intervento costerà alle casse comunali otto mila euro. Ma alle mamme e papà di Quartucciu l’idea proprio non va. Perché accanto a quella che l’amministrazione ha scelto come luogo per lo svago dei cani, c’è la scuola dell’infanzia di via Verdi (istituto comprensivo Ermanno Cortis). E già il 26 febbraio, 48 ore prima dell’approvazione della delibera, i genitori avevano già messo nero su bianco il no all’intenzione di realizzare un’area cani nel parco confinante e comunicante con il giardino della scuola, in una zona ritenuta “non idonea per questione di igiene e sicurezza”. Mamme e papà chiedono che la decisione venga rivista e propongono il trasferimento dell’area cani nella vicina dog house. I genitori raccontano di aver anche chiesto un incontro al primo cittadino. Ma senza tuttavia aver ricevuto risposta.

(nella foto l’area cani di via Verdi adiacente alla scuola dell’infanzia)


In questo articolo: