Quartu punta alla cultura: via al potenziamento delle biblioteche

Nuove risorse umane nelle 4 sedi cittadine e aperture quotidiane. A Flumini saranno garantiti gli stessi orari previsti per quella centrale. L’Assessore Baire: “Un contributo per la crescita culturale della città”. Ecco tutti gli orari

 

Una nuova e più omogenea distribuzione del lavoro e delle competenze all’interno del sistema comunale per una più strutturata organizzazione del lavoro e dei servizi. Con questo obiettivo la Giunta Delunas ha approvato una delibera che specifica la nuova destinazione di alcune risorse umane in organico, utili in particolare al potenziamento del sistema bibliotecario urbano. L’Amministrazione ha infatti deciso di destinare alla cultura più risorse umane. La riorganizzazione del servizio è stata possibile grazie anche al coinvolgimento e alla collaborazione del personale comunale, che ha sposato volentieri la causa e si è messo a disposizione per la valorizzazione dei servizi bibliotecari del Comune di Quartu.

 

Per consentire a tutti i cittadini un utilizzo più completo ed efficace dei servizi bibliotecari saranno ben 8 i dipendenti che porteranno avanti l’attività nelle 4 strutture che compongono il sistema urbano, distribuite nel territorio. Le aperture delle diverse sedi e gli orari saranno quindi garantiti con una frequenza anche maggiore rispetto al passato.

 

La biblioteca centrale e quella dei ragazzi saranno aperte dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 13, il lunedì e il mercoledì anche nel pomeriggio dalle 15 alle 18. Stessi giorni anche per la sede di Flumini, pronta a garantire lo stesso programma delle strutture situate nella città compatta. Inoltre prosegue con i soliti orari l’attività della biblioteca delle Minoranze Linguistiche di via Dante.

 

“L’Amministrazione comunale in questi mesi, a fronte dei tagli dovuti alle difficoltà economiche, ha messo in atto delle azioni volte al potenziamento del servizio bibliotecario, consapevole dell’importanza per la crescita culturale della città – spiega l’Assessore a Cultura, Tradizioni Popolari, Lingua Sarda e Beni Culturali Lucia Baire -. Viste le poche risorse economiche a disposizione, derivanti dalle norme relative al bilancio armonizzato e dall’incertezza dei finanziamenti regionali, sono state studiate le soluzioni affinché gli studenti, i ragazzi e tutti coloro che frequentano le biblioteche quartesi non solo possano continuare a usufruire del servizio, ma abbiano ancora maggiori opportunità”.

 

“Con tale importante sforzo organizzativo l’Amministrazione intende garantire una sempre maggiore fruibilità dei servizi della biblioteca ai suoi cittadini, promuovendo ancora di più la lettura e l’utilizzo di ogni strumento relativo alla conoscenza e all’informazione – aggiunge il Sindaco Stefano Delunas -. Siamo convinti che il servizio svolga un’opera di vivaio culturale cui la città non deve assolutamente rinunciare, ma anzi deve saper valorizzare, anche per garantire una valida classe dirigente alle prossime generazioni”.


In questo articolo: