Quartu prega per Luisa, in lotta al Brotzu tra la vita e la morte: “Forza, non mollare”

Una città intera che prega per l’ex consigliera comunale che da ieri sera lotta all’ospedale dopo la violenta aggressione subìta dal fratello

“Luisa forza, non mollare”.
Una città intera, quella di Quartu Sant’Elena, che prega per Luisa Carta, l’ex consigliera comunale che da ieri sera lotta tra la vita e la morte al Brotzu in seguito alla violenta aggressione subita dal fratello.
A Radio CASTEDDU,
Tonio Pani capogruppo in consiglio del PSd’Az: “È stato un brutto colpo, mi sono precipitato subito sul luogo della tragedia: questo non è più un dramma familiare ma dell’intera comunità perché comunque Luisa, oltre ad avere condiviso tantissime battaglie e con lei due consiliature assieme, è sempre stata una persona splendida, con una dedizione particolare verso i più deboli e ha lasciato un’impronta veramente importante anche nel suo ruolo politico.
In questo momento è chiaro che tutto passa in secondo piano perché c’è di mezzo la sua vita, una madre di famiglia, oltre che una persona stimatissima in città. Siamo tutti con una candela accesa, Luisa è stata sempre una persona di carattere forte e confidiamo anche in questa sua forza per uscire da questa partita, che è quella più dura della sua vita.
Lei non si era neanche candidata alle ultime elezioni, ha proprio deciso di dedicarsi interamente alla mamma, che è anziana, e stava vivendo 24 ore su 24 dividendosi tra la famiglia e accudire la mamma.
Si è sempre interessata di questo fratello che comunque aveva, più di altri, bisogno di aiuto e questa tragedia assume una valenza ancora più tragica proprio per questo aspetto”.
Risentite qui l’intervista di Tonio Pani del direttore Jacopo Norfo e di Paolo Rapeanu
e scaricate gratuitamente l’APP di RADIO CASTEDDU


In questo articolo: