Quartu, polemiche sulla tassa per il passo carrabile: “La paga anche chi non lo vuole più”

Abaco è tornata in azione, nelle cassette postali dei cittadini sono arrivati gli avvisi di pagamento. Ma, come già successo l’anno scorso, non mancano le lamentele: c’è chi deve pagare più di cento euro, portafoglio da aprire anche per chi ha uno scivolo che vuole eliminare


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

La tassa sui passi carrabili continua a portare a fiumi di polemiche e lamentele a Quartu. Reintrodotta dopo tantissimi anni dal Comune, in questi giorni Abaco ha spedito i bollettini di pagamento. E, come già capitato nel 2023, chi ha fatto domanda per eliminare qualunque scivolo o direttamente lo stesso passo carraio si ritrova a dover aprire il portafoglio. Un controsenso: c’è chi attendeva gli operai comunali per i lavori di eliminazione del passo, ma è rimasto ad attenderli invano. “Come al solito alcuni hanno richiesto la rimozione del passo carraio, ma non hanno modificato l’ingresso che continua ad avere lo scivolo per entrare con la macchina. Qualche tempo fa ho parcheggiato di fronte a un cancello sprovvisto del cartello, il risultato di tale situazione mi è costato due nuovi pneumatici rovinati lateralmente e quindi irrecuperabili”, racconta, sul gruppo Fb principale di Quartu, un residente. Un caso raro, va detto. Sandra Moi, infatti, è una delle quartesi rimasta beffata: “Ho fatto richiesta per rimuovere lo scivolo perchè l’auto non sta dentro il cortile. Hanno fatto un regolamento per far pagare quasi tutti, facendo riferimenti normativi di cubatura e concessione edilizia, e dopo che ho fatto richiesta di rimozione mi è arrivata comunque la notifica di pagamento”, afferma la donna. “Ho pagato anche il bollettino al Comune per questo, doppia fregatura. Non è sicuramente stata una mia scelta, purtroppo, e non trovo giusto che io paghi, dal 2021, pur non utilizzando il passo e chi invece lo utilizza non paghi”.
Altre lamentele arrivano da Giuliana Onnis: “Ho dovuto pagare 110 euro di arretrati prima di darmi la concessione, pagata 229 euro. Quella che è arrivata è di 63 euro”. E c’è chi aggiunge che il prezzo, a metro lineare, si aggira sui ventuno euro. Conti e misure a parte, ciò che emerge è che anche chi non voleva più il passo carrabile deve pagare la tassa ad Abaco.


In questo articolo: