Quartu, ok a 400mila euro di arretrati per i dipendenti e ai fondi per disabili gravi

La variazione d’urgenza al bilancio approvata dal Consiglio comunale, il vicesindaco Sanna: “Abbiamo 30 giorni di tempo per pagare gli arretrati”. Spiccano anche oltre 3 milioni per gli espropri di Sant’Anastasia e i soldi, per dicembre, della Legge 162, cioè i piani personalizzati a favore di persone con handicap grave

Il Consiglio comunale di Quartu dice sì all’ultima variazione urgente al bilancio e, a maggioranza, approva numerosi stanziamenti. A elencarli è stato il vicesindaco Tore Sanna: “La decisione della Giunta è di procedere con la chiusura di alcune pratiche legate agli espropri di Sant’Anastasia, con oltre tre milioni di euro. Definiamo anche l’importo di oltre 400mila euro per gli arretrati del contratto di lavoro dei dipendenti, approvato pochi giorni fa. Per legge abbiamo trenta giorni di tempo”. E con il via libera dell’Aula i tempi saranno rispettati. Spazio anche ai denari per il restyling del velodromo, poco più di un milione di euro, i 700mila per tirare su due nuove mense nelle scuole di via Beethoven e via Tiziano e la riqualificazione della fascia retrodemaniale del Poetto. In particolare, i milioni per Sant’Anastasia sono legati alle cause, partite diciannove anni fa, quando l’amministrazione comunale ha iniziato vari espropri: oggi ci sono sei cooperative al centro del contenzioso, con il Comune che spera di impadronirsi di tutte quelle aree che non rientrano nel patrimonio pubblico.
Ancora: via libera al pagamento, per il mese di dicembre, dei soldi della Legge 162, cioè i piani personalizzati a favore di chi ha un handicap grave e ai nuclei familiari: “Un punto importante”, osserva Sanna, “che va nella direzione dell’aiuto alle famiglie e alle persone che necessitano di questi interventi”.


In questo articolo: