Quartu, mano tesa agli operatori turistici in crisi: “Ecco un kit per cominciare a rinascere”

L’Assessora al Turismo Asquer: “Esprimiamo così la nostra vicinanza agli operatori quartesi, di nuovo al lavoro tra difficoltà e insicurezze”. Il Sindaco Delunas: “Garantire il rispetto della sicurezza ambientale ai tempi del Coronavirus è fondamentale per operatori e turisti”

Il Comune di Quartu Sant’Elena in campo per la tutela del settore turistico. Un corso di formazione gratuito per il settore extra-alberghiero per adeguarsi ai protocolli di sicurezza imposti dall’emergenza Covid.  Il Kit comprende anche le Linee guida per la gestione del rischio e il materiale di comunicazione per gli ospiti, in italiano e inglese.  L’Assessora al Turismo Asquer: “Esprimiamo così la nostra vicinanza agli operatori quartesi, di nuovo al lavoro tra difficoltà e insicurezze”. Il Sindaco Delunas: “Garantire il rispetto della sicurezza ambientale ai tempi del Coronavirus è fondamentale per operatori e turisti”.
L’Amministrazione comunale ritiene urgente e prioritario assicurare la formazione degli addetti al settore extra-alberghiero operanti sul territorio comunale, nelle loro differenti tipologie, e intende quindi dare un proprio contributo diretto, promuovendo e garantendo agli stessi un’opportuna formazione, affinché tutti possano operare nel rispetto dei protocolli e in totale sicurezza.
Con questi presupposti l’Amministrazione ha svolto un’indagine di mercato, comparando 3 preventivi, e ha infine deciso di dare l’incarico alla Socieà Sardinia Co Hosting, la cui proposta è risultata la più rispondente alle esigenze dell’Ente, anche in quanto comprensiva di una sessione informativa/formativa, della durata di una mezza giornata, dedicata agli operatori quartesi, durante la quale verranno illustrati il materiale e le attività da svolgere per lavorare in sicurezza e secondo i protocolli definiti, oltre che tutti gli altri strumenti necessari per dotarsi di un Piano di Auto-controllo studiato precisamente sull’attività dell’operatore dell’extra-alberghiero, ovvero le Linee guida per la gestione del rischio, insieme alle Procedure Operative e alle Check List, da utilizzare quale materiale di comunicazione per gli ospiti, sia in italiano che in inglese.
Mettendo insieme le indicazioni dell’Osservatorio Mondiale della Sanità, i documenti INAIL, gli accordi tra organizzazioni sindacali e datori di lavoro, i documenti delle associazioni di categoria del settore turistico, gli articoli specialistici italiani e internazionali sul Covid-19 nel settore turistico extra-alberghiero e sulle relative ‘best practices’, si ottiene il Kit, destinato agli operatori, che rappresenta una guida completa, semplice e pratica estremamente utile anche per gli ospiti, quindi per tutto il territorio quartese.
“In considerazione dell’ancora attuale emergenza sanitaria da Covid 19, l’Amministrazione, e nello specifico l’Assessorato al Turismo, hanno sposato con convinzione il progetto ‘Safe e Clean Extra’, uno strumento in grado di garantire a tutti gli operatori extra-alberghieri un altissimo grado di affidabilità e sicurezza delle loro strutture, degli stessi operatori e dei loro ospiti – spiega l’Assessora alle Attività Produttive e al Turismo Francesca Asquer -. Nei prossimi giorni comunicheremo data, orario e luogo del corso di formazione, rivolto a tutti i B&b e affittacamere che operano a Quartu. Un corso gratuito, che dimostra tutta la nostra vicinanza agli operatori turistici cittadini, che hanno ripreso a lavorare tra tante difficoltà e insicurezze”.
“L’emergenza sanitaria mondiale ha duramente colpito i flussi turistici, creando non poche preoccupazioni agli operatori che lavorano in questo settore strategico per la nostra comunità – aggiunge il Sindaco Stefano Delunas -. Oggi i turisti scelgono dove alloggiare durante le vacanze anche sulla base della sicurezza ambientale che la struttura è in grado di fornire. Quindi oggi più che mai è necessario garantire un altissimo grado di affidabilità e dimostrare di conoscere e di applicare il protocollo corretto, per puntare a un immediato e redditizio rilancio delle attività”.


In questo articolo: