Quartu, il Comune apre i nuovi sportelli per i servizi socio sanitari

Il nuovo progetto


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Nuovi sportelli di assistenza e interventi per affrontare le emergenze socio-sanitarie del territorio. Sono stati approvati stamattina dalla Conferenza dei Servizi del Plus (Piano locale unitario dei servizi alle persone), ambito Quartu-Parteolla, l’aggiornamento economico-finanziario 2012-2014 e le Azioni Progettuali per il 2014. Tra le novità, lo Sportello Welfare, che sarà attivato a Quartu con l’obiettivo di indirizzare i cittadini, soprattutto quelli più deboli e meno informati, nella ricerca di risposte adeguate ai propri bisogni. Sempre a Quartu verrà dato avvio anche al Servizio per la non autosufficienza: la finalità principale è favorire il mantenimento ed il perseguimento del “benessere” delle persone attraverso l’elaborazione di percorsi personalizzati di accesso a servizi, iniziative e prestazioni, con garanzia di appropriatezza delle risposte.

Nella programmazione 2014 vengono poi avviati alcuni Progetti Pilota che scaturiscono da un’attenta riflessione sui bisogni dei cittadini. È prevista in particolare l’attivazione di un fondo di garanzia per far fronte all’emergenza abitativa a favore delle famiglie residenti nei Comuni di Burcei, Maracalagonis e Sinnai. Parallelamente, come già avviene nel Comune di Quartu Sant’Elena a cura del volontariato cittadino, verrà attivata nei Comuni del Parteolla (Donori, Dolianova, Serdiana e Soleminis) la distribuzione di beni di prima necessità attraverso il Progetto Alimentis. “In tema di sostegno alle famiglie –sottolinea il sindaco di Quartu, Mauro Contini – proprio in questi giorni il Comune sta inoltre approvando i criteri di utilizzo delle risorse per le misure di contrasto delle povertà. In particolare, vogliamo valorizzare il servizio civico perché siamo convinti che il disagio sociale ed economico debba essere affrontato non con l’assistenzialismo, ma restituendo dignità alle persone attraverso opportunità di lavoro”.


In questo articolo: