Quartu è Zona Franca Urbana: il Parlamento dà l’ok al finanziamento

Il Parlamento approva il finanziamento delle Zone Franche Urbane, tra le quali anche quella di Quartu. Il sindaco Contini: «Una preziosa occasione di ripresa e crescita economica ed occupazionale»

«Dopo una lunga attesa e segnali contraddittori, finalmente una buona notizia: l’auspicio è che finalmente questa importante opportunità di sviluppo possa divenire operativa». Così il sindaco di Quartu Sant’Elena, Mauro Contini, commenta la notizia dell’approvazione definitiva da parte della Camera del finanziamento alle Zone Franche Urbane (ZFU), tra le quali anche quella di Quartu. Ispirate alle esperienze di altri paesi europei, le ZFU sono aree infra-comunali dove si concentrano programmi di defiscalizzazione per la creazione di piccole e micro imprese.

 

Obiettivo prioritario è favorire lo sviluppo economico e sociale di quartieri ed aree urbane caratterizzate da disagio sociale, economico e occupazionale. In particolare, sono previste agevolazioni fiscali e previdenziali, inclusi l’esenzione dalle imposte sui redditi e dall’IRAP per cinque anni (con graduale phasing out negli anni successivi) e l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali. Il disegno di legge approvato dal Parlamento nei giorni scorsi autorizza per gli interventi nelle ZFU la spesa di 75 milioni di euro per il 2015 e di 100 milioni per il 2016. «Il Comune di Quartu Sant’Elena rientrava tra i 23 comuni a suo tempo sottoscrittori, insieme al Ministero dello Sviluppo Economico, del “Contratto di Zona Franca Urbana” che istituiva una ZFU all’interno del territorio comunale» ricorda il sindaco Contini. «Ci auguriamo che nei prossimi mesi l’attuazione delle ZFU si realizzi speditamente, in modo da offrire alla nostra Città una preziosa occasione di ripresa e crescita economica ed occupazionale».


In questo articolo: