Quartu apre i parchi anche in zona rossa: “State il più possibile all’aperto, ma rispettate le restrizioni”

Il sindaco Graziano Milia annuncia: Speriamo di poter mantenere al minimo le restrizioni anche nella prossima settimana: come sempre, molto dipenderà dal comportamento responsabile e disciplinato di ciascuno di noi. Buona regola è mantenere il distanziamento, far circolare l’aria negli ambienti chiusi, stare il più possibile all’ aperto”

Quartu apre i parchi anche in zona rossa: “State il più possibile all’aperto, ma rispettate le restrizioni”. Il sindaco Graziano Milia annuncia su Fb: “Da domani la Sardegna entra in zona rossa. Quartu continua a mantenere una condizione migliore sul trend di contagi nell’isola: siamo poco sopra le 200 unità, con un lieve incremento nell’ultima settimana che tuttavia rimane pienamente sotto controllo. Questo ci induce a non adottare per il momento provvedimenti ulteriormente restrittivi rispetto a quelli contenuti nei decreti ministeriali: in città rimarranno aperti il cimitero e i parchi, mentre restano valide le regole sugli spostamenti, consentiti solo per comprovati motivi di lavoro, salute o di necessità. Saranno vietati gli spostamenti per far visita a parenti o amici autosufficienti, ed in generale tutti gli spostamenti verso abitazioni private diverse dalla propria se non per motivate necessità. Speriamo di poter mantenere al minimo le restrizioni anche nella prossima settimana: come sempre, molto dipenderà dal comportamento responsabile e disciplinato di ciascuno di noi. Buona regola è mantenere il distanziamento, far circolare l’aria negli ambienti chiusi, stare il più possibile all’ aperto.
Molti cittadini hanno chiesto in questi giorni chiarimenti sulla vendita al dettaglio all’interno del territorio comunale: rimangono consentite le attività legate alla vendita di beni alimentari e di prima necessità, come previsto dall’allegato 23 del dpcm 2 marzo 2021. Le regole sulla ristorazione non cambiano: continuiamo a sostenere i nostri bar e ristoranti, utilizzando i servizi d’asporto attivi dalle 5 alle 22, in attesa del ritorno alla normalità.
Qualcuno in questi giorni mi ha scritto, chiedendomi cosa si può fare davanti a questa situazione: la cosa più concreta e più utile da fare è accelerare con le vaccinazioni. Da ieri è attivo il centro vaccinale quartese, perfettamente organizzato e funzionante, grazie agli sforzi comuni di tanti cittadini quartesi, della nostra amministrazione e dell’Ats.
I vaccini rappresentano l’unica vera soluzione alla crisi sanitaria, economica e sociale che stiamo vivendo. Speriamo di vedere un’accelerazione immediata su questo versante, decisivo per la ripresa della nostra comunità e dell’intera Sardegna”.


In questo articolo: