Quando l’arte incontra il gesto, ultimi giorni per visitare la mostra

Centro d’Arte e Cultura Il Ghetto, Cagliari

Ancora pochi giorni per visitare la mostra Quando l’idea incontra il gesto, arte e artigianato artistico in Sardegna che chiude, dopo la proroga, domenica 3 novembre.
Ospitata dal 25 luglio, nelle settecentesche sale del Centro Comunale Il Ghetto, la mostra è curata da Simona Campus, allestita su progetto di Sabrina Cuccu dal Teatro Lirico di Cagliari e prodotta dal Consorzio Camù.
L’esposizione ha conquistato, nei circa tre mesi di apertura, non solo l’attenzione del pubblico locale, ma anche e soprattutto dei tanti turisti presenti in città grazie all’arrivo delle navi da crociera.
Un interesse che ha riguardato anche il nuovo store, che offre la possibilità di acquistare numerosi prodotti artigianali e artistici in gran parte realizzati appositamente per la mostra.
Il percorso espositivo, nell’allestimento progettato da Sabrina Cuccu e realizzato dalla Fondazione del Teatro Lirico di Cagliari, che curano anche il restyling del nuovo punto vendita del Centro, propone opere firmate da ventisette artisti e distribuite in tre sezioni tematiche dialoganti fra loro e riunite attorno alla figura e all’opera di Maria Lai, artista d’eccellenza recentemente scomparsa, cui la mostra rende implicitamente omaggio, fuori da ogni retorica. Ogni sezione si apre con un riferimento alla tradizione e alle tecniche artigianali provenienti dal passato: la panificazione, la tessitura, il cucito; quelle stesse tecniche che nelle opere di Maria Lai subiscono un rinnovamento radicale e acquistano un significato inedito.
In mostra opere di Edina, Iride e Lavinia Altara, Tosino Anfossi, Italo Antico, Giuseppe Biasi, Luciano Bonino, Zaza Calzia, Francesco Ciusa, Giovanni Ciusa Romagna, Nietta Condemi De Felice, Maria Crespellani, Salvatore Fancello, Francesco Farci, Caterina Lai, Maria Lai, Mauro Manca, Carolina Melis, Federico Melis, Wanda Nazzari, Costantino Nivola, Antonello Ottonello, Eugenia Pinna, Ciriaco Piras, Rosanna Rossi, Eugenio Tavolara, Piero Zedde.
Numerose e prestigiose le istituzioni pubbliche e private che hanno prestato le loro opere: Fondazione Banco di Sardegna, Banca di Sassari, Musei Civici di Cagliari, Camera di Commercio di Nuoro, ISRE Sardegna, Museo del Pane Rituale di Borore, Museo Sardo di Antropologia e Etnografia (Università di Cagliari) e Comune di Nule. A queste si aggiungono i ventuno privati che hanno consentito, con importanti prestiti di arricchire l’ampia panoramica di opere e artisti.
Un ringraziamento speciale va all’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti Onlus di Cagliari che hanno tradotto il testo introduttivo della mostra in Braille.
Con la collaborazione dell’Associazione Arteficio il nuovo store costituisce quasi una mostra nella mostra e, oltre prodotti di artigianato artistico con opere provenienti da numerosi centri dell’Isola, presenta anche una nutrita e qualificata selezione di pubblicazioni editoriali dedicate agli artisti e alle sezioni tematiche presenti in mostra.

La mostra è visitabile dal martedì alla domenica, con orario continuato, dalle ore 9 alle 20. Lunedì chiusura settimanale.

Contatti
Cagliari, Centro Comunale d’Arte Il Ghetto, via Santa Croce 18
Tel. biglietteria 070. 6670190
www.camuweb.it


In questo articolo: