Punto impazzita a Cagliari, folle inseguimento nella notte: 2 arresti

Un cagliaritano e un quartese che guidava ubriaco senza patente protagonisti di un pauroso inseguimento tra Cagliari e Quartu, con due ragazze minorenni nascoste nell’auto per la paura. Danneggiate auto in sosta, rissa con gli agenti 


Per le ultime notizie entra nel nostro canale Whatsapp

Presi gli spericolati della notte, protagonisti di un lungo inseguimento da cagliari a Quartu con leauto della Polizia alle calcagna. Con nell’auto due ragazze monorenni nascoste nei sedili per la paura. Con diverse auto in sosta danneggiate e una sfida a tutta velocità lanciata agli agenti. Alla fine sono finiti in trappola il cagliaritano Raffaele Madeddu, 27 anni cagliaritano, e il quartese Riccardo Melis, 26 anni,che secondo le accuse della Polizia guidava anche ubriaco e senza patente. Tutto è iniziato in vioa XX Settembre a Cagliari, quando le Volanti della Questura di Cagliari hanno notato una Punto impazzita che faceva manovre spericolate. Lì è cominciato il folle inseguimento, che si è protratto lungo il Viale Diaz, Viale Cimitero, Via Dante, Piazza della Repubblica, Via San Benedetto raggiungendo infine il Viale Marconi. Tutti gli incroci sono stati attraversati a fortissima velocità nonostante le intersezioni semaforiche proiettassero luce rossa. Nel transitare lungo il Viale Marconi la Volante ha affiancato la Punto per far desistere il conducente da ulteriori manovre pericolose, ma l’autista, noncurante dell’avvertimento, ha cercato di speronare la pattuglia in più occasioni. 

L’inseguimento si è protratto all’interno della città di Quartu Sant’Elena, coinvolgendo la Via A. Volta, la Via Bonaria, la Via Rossi Vitelli dove la Punto ha urtato un veicolo parcheggiato sul lato destro della strada. Il mezzo ha poi proseguito la corsa su Piazza Santa Maria, Viale Colombo, Via Rossini per imboccare la Via Catalani dove ha urtato un altro mezzo in sosta a sinistra per poi proseguire in Via Verdi. Successivamente ha imboccato Viale Colombo direzione Poetto, ma  giunti in prossimità di Via G. Leopardi ha svoltato in Via Gorizia, Via XX Settembre, percorrendo le vie del centro storico per infilarsi in ultimo nel vicolo Conte San Giuliano.

A questo punto i due occupanti, non potendo proseguire la fuga in auto, abbandonavano il veicolo ingaggiando una colluttazione con i due operatori di Polizia, scesi prontamente dall’auto di servizio per bloccarli. 

All’atto del controllo del mezzo, gli operatori hanno notato la presenza di due ragazze, risultate minorenni, amiche dei due, che per tutta la durata dell’inseguimento hanno viaggiato coricate nei sedili posteriori asserendo di essersi nascoste perché impaurite.

All’interno dell’auto è stato rinvenuto un coltello della lunghezza di 50 cm circa, occultato sotto il tappetino lato guida.

Da accertamento telematico l’auto è stata segnalata nella mattinata del 14 febbraio, come mezzo che percorreva a forte velocità alcune vie di Quartu Sant’Elena, tentando di investire alcuni pedoni.

Dell’arresto è stata data immediata comunicazione al P.M. di turno, il quale ha disposto che fossero trattenuti presso le camere di sicurezza in attesa del processo per direttissima previsto nella mattinata odierna.

Per maggiore informazione a tutela dei cittadini la Polizia  precisa che i veicoli danneggiati erano regolarmente parcheggiati nelle vie Rossi Vitelli e Via Catalani nel comune di Quartu.

 


In questo articolo: