Pula, sfida sul centro commerciale: “Lo ha proposto l’amministrazione”

Angelo Pittaluga risponde a Carla Medau: “La verità è un’altra, è stata proprio l’ex sindaca a proporre il nuovo centro commerciale della discordia”

Prosegue a Pula lo scontro sul nuovo centro commerciale che accende la campagna elettorale. Angelo Pittaluga, candidato sindaco di Prima Pula, risponde così all’affondo della Medau dei giorni scorsi: “Ancora una volta prendiamo atto che l’ex Sindaca pur di giustificare le sue scelte indifendibili non disdegna di mistificare la realtà e cercare sempre qualcuno a cui addossare le colpe.Peccato che i fatti certifichino ben altro.

Nei 10 anni in cui sono stato Assessore all’Urbanistica, nonostante non fossero mancate le richieste, mai e poi mai nessuno si è mai sognato di portare in aula la proposta per far costruire nell’area artigianale un Centro Commerciale di 66.000 metri cubi. Una scelta scellerata che invece Lei ha fatto con disinvoltura e che avrebbe portato all’estinzione le attività commerciali di Pula che sarebbero state costrette o a chiudere o a trasferirsi nei negozi del Centro Commerciale, naturalmente pagando ricchi affitti alla proprietà. A questa rovina si sarebbe aggiunto il danno collaterale del mancato ingresso dei turisti nel centro urbano.

E’ bene evidenziare che questo punto all’ordine del giorno dell’ultimo Consiglio lo ha portato Lei e la sua maggioranza con una proposta di APPROVAZIONE inequivocabile. Una scelta che fortunatamente è stata prontamente arginata da diversi Consiglieri della sua maggioranza e dalla maggior parte dei Consiglieri di opposizione. Una proposta talmente esplosiva che costituisce una delle maggiori motivazioni della sua rovinosa caduta, ALTRO CHE TRADIMENTO !!!!

Si precisa inoltre che questo punto all’ordine del giorno e stato supportato oltre che da lei come responsabile dell’esecutivo anche dai Consiglieri; Emanuele Farneti, Pierandrea Azara, Filippo Usai, Angela Mascia, Ombretta Pirisinu, tutti Consiglieri che con lei si sono ricandidati nella lista: Uniti per Pula.

Se poi questo non bastasse, leggendo bene la delibera, non solo lei ha proposto la costruzione di un Centro Commerciale, ma addirittura ha cercato di forzare le osservazioni fatte dall’Assessorato all’Urbanistica sull’area artigianale. Motivazioni che senza grandi difficoltà avrebbero potuto motivare il diniego, un aspetto non di secondo conto che è stato prontamente colto dal Commissario che ha bloccato l’iniziativa senza problemi. Una fretta inspiegabile, forse lei e quello che le era rimasto della sua maggioranza ritenevano che, per i commercianti e per il territorio sarebbe stata un’occasione da non perdere.

Purtroppo i fatti dicono altro, abbia perlomeno il coraggio di difendere le sue scelte, in mancanza di questo, riconosca perlomeno i propri errori, anche se conoscendo la sua indole le sarà parecchio difficile.

Sul goffo tentativo di screditare ancora una volta l’amministrazione precedente è bene precisare che il PUC al quale fa riferimento l’ex sindaco è stato REVOCATO da lei stessa e RIPROPOSTO DALLA SUA AMMINISTRAZIONE.

Appare francamente singolare, inoltre, che la riduzione dell’area artigianale apportata nel nuovo PUC presentato dall’amministrazione Medau, corrisponda esattamente all’area di proprietà della società World Immobiliare srl.Pura coincidenza ???

Nel PUC dell’amministrazione di cui ho fatto parte è vero che l’area artigianale era più ampia ma certamente non per favorire insediamenti COMMERCIALI di grandi dimensioni come invece voleva fare lei. Sfido chiunque e in particolare l’ex Sindaco a voler dimostrare con atti alla mano la volontà dell’amministrazione di cui ho fatto parte di favorire l’insediamento di un centro commerciale di grandi dimensioni”.


In questo articolo: