Pula, nuovo look per le strade e un centro commerciale naturale

Importanti novità annunciate a Pula nell’assemblea tra Comune e commercianti: verranno rimesse a nuovo viale Europa e via Lamarmora. Ecco le soluzioni allo studio per migliorare il commercio del paese

Strade rimesse a nuovo, un marchio di produzione dei prodotti locali di Pula, addio all’orrendo guardrail in ferro di via Lamarmora, soluzioni in vista anche per il traffico nel centro storico. Subito due notizie, al termine dell’affollatissima assemblea in Municipio a Pula tra l’amministrazione comunale al gran completo e i commercianti. La prima riguarda viale Europa, il biglietto da visita, l’ingresso del paese: “Il 2 aprile partirà il rifacimento di tutto il viale Europa- ha annunciato il sindaco Carla Medau- i lavori proseguiranno sino al 27 aprile e per Sant’Efisio avremo una strada finalmente sistemata al meglio, grazie al rifacimento dell’asfalto esistente che sarà rimesso a nuovo e riutilizzato”.

Con lo stesso metodo, quello della “macinazione” dell’asfalto, sarà  rifatto il trucco anche ad un’altra strada importante del paese. Si tratta di via Lamarmora, dove i lavori cominceranno il 5 maggio per concludersi il 15 giugno. “Lavori anche di notte per eliminare le buche presenti da anni in via Lamarmora”, ha assicurato il sindaco Medau. Non sono solo queste però le novità annunciate ai commercianti pulesi: il Comune vuole infatti puntare sulla creazione di un centro commerciale naturale, non avendo la concorrenza dei paesi limitrofi, anche per creare marketing turistico. Presto verrà illustrato il nuovo piano della viabilità del paese, che è alla fase finale della sua stesura. Nel frattempo, nella zona di via Nora,resteranno immutate le disposizioni dell’anno scorso. Alla richiesta della commerciante Eva Falqui, che ha chiesto di potere installare un gazebo esterno, il sindaco ha risposto che il Comune sta preparando un piano per i gazebo, che non dovranno avere un impatto pesante sul centro storico. E in cambio delle spese di realizzazione, per due o tre anni chi acquista un gazebo potrebbe essere in parte esentato dalla tassa del suolo pubblico. E Roberto Locche,commerciante ma anche ex consigliere comunale di minoranza, ha lodato il lavoro della nuova amministrazione comunale parlando di “svolta epocale nei rapporti grazie al dialogo instaurato e ai progetti ideati in poco tempo”.


In questo articolo: