Pula, lo choc di Barbara Curci: “La mia foto Facebook finita su un sito per incontri hot”

Per molti internauti era diventata “Curci3h”, donna alla ricerca di incontri decisamente piccanti. Peccato che lei, 54enne titolare di un negozio, fosse all’oscuro di tutto: “Me l’ha segnalato un conoscente, hanno rubato la mia immagine del profilo per creare un profilo su un sito a pagamento per incontri d’amore. Una follia, non ero mica spogliata: ragazze, fate attenzione a ciò che postate sui social”

Era impegnata a piegare e ad appendere vestiti, nel suo negozio di via Nora a Pula quando, due giorni fa, un giovane si è precipitato davanti al suo bancone: “Guarda cosa ho trovato, c’è la tua foto su un sito di incontri”. Lei, Barbara Curci, 54enne milanese che da otto anni vive e lavora a Pula, ha sgranato gli occhi. Sì, quella era proprio lei: “Curci3h”, questo il nome del profilo fake creato da chissà chi su un sito internet che, sin dal nome, si capisce benissimo di cosa tratti: “soloavventure”. Un portale dove è necessario registrarsi per “trovare l’amore online, divertiti uscendo e divertendoti con altri single!”, così promettono i gestori. Peccato che la cinquantaquattrenne, prima di due giorni fa, non sapesse nemmeno dell’esistenza di quelle pagine virtuali dove si dovrebbe trovare il lui o la lei dei propri sogni. A “salvarla” è stato proprio quel suo amico, “che preferisco mantenere anonimo vista la particolarità della situazione”, che aveva iniziato a chattare proprio con la “falsa” Barbara. Ha subito fatto una denuncia ai carabinieri di Pula, per “sostituzione di persona”. Nel documento si legge chiaramente che “la foto utilizzata è quella che avevo impostato fino a poco tempo fa come immagine del profilo di Facebook”. Insieme al suo amico ha poi fatto uno screenshot alla pagina “incriminata”, e presto consegnerà anche quest’altra prova alle Forze dell’ordine.

 

“Una situazione assurda, io sono anche poco tecnologica”, spiega, contattata da Casteddu Online, la Curci. “La foto che mi è stata rubata era una semplice immagine del profilo, si vedeva solo il mio volto, non ero mica spogliata e non si vedeva chissà cosa”. Insomma, il sapore della “trappola online” c’è tutto: qualcuna – o qualcuno, dietro lo schermo di un pc siamo tutti “miss” o “mister” x – ha pensato di sottrarle un’immagine per cercare, bene andando, di voler prendere in giro qualcuno. Ma si tratta pur sempre di un illecito: “A tutte le ragazze e le donne dico di prestare sempre la massima attenzione quando postano qualunque contenuto personale sui social. Non voglio che, dopo di me, possano esserci altre vittime”.


In questo articolo: