Pula, il Puc fa discutere: ma la maggioranza ha le idee chiare

Il Piano Urbanistico Comunale, questione che fa discutere anche in altri comuni dell’Area vasta, divide anche Pula

Pula. Il Piano Urbanistico Comunale, questione che fa discutere anche in tanti altri comuni dell’Area Vasta (Assemini, Capoterra), divide pure Pula adesso. Da una parte ci sono il Sindaco Cabasino, la Maggioranza e la Regione, dall’altra l’opposizione, una fetta di cittadini che la supporta e gli ecologisti, che attaccano duramente le prime parti, a loro avviso colpevoli di non “aver consultato i cittadini per l’approvazione del Piano”. Non la pensa così l’assessore all’urbanistica Angelo Pittaluga, che replica dicendo che al P.U.C. sono state fatte più di cento osservazioni, che i cittadini possono consultare il P.U.C on-line, e che a fine mese ci sarà proprio un’assemblea, aperta a tutti, per discutere delle spaccature che si sono venute a creare. “Il vero disastro” afferma Pittaluga “sono gli infiniti procedimenti burocratici e il numero spropositato di enti presso i quali si deve passare prima che il Piano possa essere attuato”. A livello paesaggistico – e pure questo è un punto contestato dagli ecologisti- si punta sugli incentivi alla costruzione di strutture ricettive quali alberghi e ristoranti lungo la costa. “La Regione è d’accordo” conclude Pittaluga, “poiché il Piano, noi del Comune, lo abbiamo studiato assieme a loro”. Come per ogni cosa, dai bandi alle delibere, passando per l’albo pretorio fino ad arrivare alle ordinanze, il P.U.C. è consultabile sul sito del Comune di Pula. E le contestazioni sono aperte a tutti.

Lorenzo Scano


In questo articolo: