Pula, il piano urbanistico torna in aula: “Rispondiamo con i fatti”

Il sindaco Carla Medau e l’assessore Emanuele Olla anticipano l’arrivo del piano urbanistico di Pula, che domani arriva in consiglio comunale scongiurando l’arrivo del commissario ad acta 

Il piano urbanistico di Pula torna finalmente in aula, scongiurando il commissario ad acta. Il sindaco Carla Medau annuncia: “Arriviamo in Aula con il più importante documento che la nostra Amministrazione sta affrontando. E’ il primo passo di un cammino che ci porterà a ridisegnare l’assetto del territorio. Vi invitiamo a partecipare perché ancora una volta preferiamo rispondere attraverso i fatti e non con le parole. Appuntamento mercoledì alle ore 10 con il Piano Urbanistico Comunale”. L’Assessore Emanuele Olla in attesa della presentazione in consiglio il 2 Settembre del Puc di Pula ci racconta come si è arrivati alla conclusione : “Il nostro Puc è un adeguamento al PPR e proprio il Ppr ha giustificato un’adozione definitiva a soli tre giorni dalle elezioni Il decreto legislativo 277 del 2000 all’art 38 stabilisce che i consigli comunali dopo l’indizione dei comizi elettorali da parte del prefetto possono compiere soltanto atti indifferibili o urgenti ciò nonostante l’amministrazione di allora decide di adottare il Puc con urgenza perché bisognava adeguarlo al PPR, tale adozione risultava essere assolutamente illegittima e questo è stato anche appurato da un parere legale che noi abbiamo richiesto per tutelare in primo luogo il Comune di Pula e in secondo luogo tutti i cittadini: è evidente che se noi avessimo speso del tempo per fare una variante sul piano originario illegittimo avrebbe subito la stessa sorte, c’era dunque la necessità di restituire legittimità al piano urbanistico, di non vanificare la spesa di quasi 500mila euro fatta dalla precedente amministrazione per tutto il lavoro tecnico ma soprattutto c’erano scelte assolutamente non condivisibili per lo sviluppo di Pula. Dunque si è scelto di modificare quelle scelte politiche non condivisibili. correggendo gli errori e restituendo da un lato legittimità a quel piano urbanistico per fare una nostra variante e dall’altro evitando che quelle scelte sbagliate diventassero irreversibili una volta che il Puc fosse diventato efficace”. L’approvazione del Puc, se ratificata dall’aula, sarà un altro clamoroso smacco per l’ex sindaco Walter Cabasino, ultimamente particolarmente attivo sui social network, nostalgico della politica pulese.