Pula, focus sul centro storico: “Non sarà una teca di cristallo”

L’assessore all’Urbanistica di Pula Emanuele Olla ha anticipato ai cittadini il contenuto del nuovo piano particolareggiato del centro storico

di Ignazia Melis

Si è svolto in Casa Frau il primo incontro sul Piano Particolareggiato del centro storico. presenti l’ingegnere Daniela Todde ,gli architetti Laura Zanini e Paolo Falqui che spiegano il metodo scientifico e tecnico del lavoro che verra condotto . Un lavoro che si sviluppa dalle cartografie storiche del cessato catasto fino alle analisi sul campo, con le misurazioni degli immobili, la fotografia dei prospetti, lo studio dei rilievi aerofotogrammetrici, le carte dei tetti. Un lavoro tecnico che si basa sulle linee guida regionali, per la tutela del paesaggio e con obiettivi coerenti con il Piano Paesaggistico Regionale. Nell’intervento dall’Assessore all’Urbanistica Emanuele Olla ha spiegato gli obiettivi politici del Piano Particolareggiato dicendo che;” Il tessuto urbano deve essere recuperato come luogo in cui si possa tornare a vivere,e a fare attività. Il centro storico deve essere attrattivo, deve richiamare l’interesse ed anche gli investimenti. Tornare nel centro storico, quello che rappresenta fisicamente il luogo della memoria per i pulesi, non può essere come la visita ad un Museo dove ci si passa un’ora o una giornata, e lo si trova interessante o meno ,e poi tutto resta così come è. ” E aggiunge che ; Immaginare il centro storico di Pula, con i suoi balconi, i portali, i muri in ladiri e le corti, sotto una teca di cristallo è l’errore più grave e mantenere l’identità non significa fare del patrimonio edilizio un museo,e Fare del centro storico un museo significa accelerare in modo irreversibile il processo di spopolamento. Possiamo tramandare alle prossime generazioni l’identità del centro storico consentendo tuttavia che questo assolva alla sua funzione abitativa, di attrattiva turistica e commerciale. Insomma il piano particolareggiato non sarà solo un insieme di norme ma offrirà uno sguardo dettagliato del centro storico per proporre interventi concreti, dove possibile anche la demolizione e la ricostruzione. Non si esclude anche la possibilità di sopraelevazioni o di nuove costruzioni dove l’indice volumetrico e gli spazi a disposizione lo consentano. Potrà essere l’occasione per migliorare il confort delle vecchie case, per fare il punto sul deflusso delle acque meteoriche nelle strade del centro, per migliorare il confort acustico soprattutto nella zona dei locali. L’amministrazione crede nella rinascita del centro storico e con questo piano intende restituire valore, anche commerciale, agli immobili del centro”.Il Vicesindaco Ilaria Collu porta i saluti del Sindaco Medau e dell’amministrazione in parte presente .”Abbiamo in animo di rivitalizzare il centro storico,un patrimonio apprezzato per il decoro che ha mantenuto nel tempo. ” dice il Vicesindaco .Anche una rappresentanza della minoranza ha partecipato al primo incontro ,tanti cittadini e tecnici intervenuti per conoscere il futuro del proprio paese .


In questo articolo: