Provinciale Desulo-Fonni vietata ai bus: gli studenti restano a piedi

Un Comitato spontaneo contro il restringimento della strada: si sta organizzando una manifestazione di protesta

Il restringimento della Provinciale n.7 Desulo-Fonni (Foto G.Littarru)

Mai come in questi ultimi anni, ci sono stati dei veri e propri casi di abbandono della rete stradale, gestita da quel che resta della vecchia Provincia di Nuoro. In particolare la provinciale n. 7 (“Montecorte-Desulo-Fonni”), con due deviazioni nella zona di Desulo che riducono la strada ad una sorta di mulattiera montana piuttosto che una fondamentale arteria di comunicazione. Col peggioramento delle condizioni del manto stradale, il 2 novembre scorso, la Provincia di Nuoro ha inviato al Comune di Desulo un’ordinanza di declassamento della strada con il divieto di transito per i mezzi superiori alle 8 tonnellate e il mantenimento di un limite massimo di velocità non superiore ai 50 km/h. Nel paese barbaricino il disagio ha creato grossi problemi alla popolazione, in particolare agli imprenditori locali e agli studenti che si trovano impossibilitati ad entrare e uscire dall’abitato con camion e pullman. Infatti, anche l’Arst ha sospeso i collegamenti, rendendo impossibile agli studenti locali di raggiungere gli istituti superiori di Nuoro, Tonara e Sorgono. Intanto, si è costituito un comitato spontaneo denominato “Desulo esiste” che in un comunicato minaccia una manifestazione popolare di protesta. «Dal 2 novembre scorso nella strada provinciale n° 7 Montecorte-Desulo-Fonni», si legge nel volantino, «è vietato il transito di mezzi di trasporto con massa superiore alle 8 tonnellate. Questo impedisce il rifornimento di varie aziende, l’esportazione dei nostri prodotti e nega il diritto allo studio a 80 studenti pendolari. Considerato che la Provincia non ha posto rimedio al problema, nonostante le proteste e le sollecitazioni da parte degli studenti e dei nostri cittadini, l’intera comunità ha in programma una manifestazione pacifica in data da stabilire. Si invita pertanto la popolazione desulese a partecipare per la riuscita di uno sciopero efficace. Organizzeremo diverse iniziative per tenere alta l’attenzione sul nostro problema. Tutti i comitati della Sardegna, tutti i cittadini sono pregati di dare ampia diffusione a questo volantino».