Prosegue il tour di Fabio Stassi per Éntula 2017

Venerdì 22 settembre, presenta “Angelica e le comete” e “La lettrice scomparsa” alla Biblioteca comunale di Sassari e alla Libreria Cyrano di Alghero. Sabato 23 settembre appuntamento alla Biblioteca comunale di Turri

Dopo la serata dedicata al Pronto soccorso letterario, prosegue il tour letterario di Fabio Stassi organizzato nell’ambito di Éntula 2017. Nel fine settimana lo scrittore presenterà in un tour letterario in tre tappe il suo ultimo romanzo Angelica e le comete, uscito quest’anno per Sellerio, e il precedente La lettrice scomparsa. Domani, venerdì 22 settembre, in programma un doppio incontro. Si comincia a Sassari, alla Biblioteca comunale, alle 18 con Alessandro Marongiu. Alle 21 il secondo appuntamento ad Alghero, alla Libreria Cyrano con Raffaele Sari. Le letture sono affidate alla cantante Franca MasuSabato 23 settembre si chiude alla Biblioteca comunale di Turri, alle 18.30 con Cristian Mannu.

Angelica e le comete (Sellerio, 2017), una storia ariostesca di donne cavalieri d’armi e d’amori, di cortesie e audaci imprese. Una favola triste, un incanto fatto di parole che sanno di infanzia e di tradizione, di malinconia e magia, quella che solo un teatro di marionette come l’opera dei pupi può dare. Fabio Stassi ci incanta ancora una volta con pagine che ricordano il mito e che richiamano, come una lontana eco, Borges e le città invisibili. «In poco tempo, chi assisteva allo spettacolo non si sentì più in uno sconosciuto villaggio del Regno delle Due Sicilie, davanti all’opera dei pupi, ma si credette proprio lì, nei pressi dell’azione, a Roncisvalle, nei panni di un paladino».

La lettrice scomparsa (Sellerio 2016). Vince Corso è un professore precario, non più giovanissimo. È nato dalla relazione fugace della madre, che lavorava in un hotel a Nizza, con un viaggiatore e, ogni volta che ne sente il bisogno, Vince manda una cartolina al padre sconosciuto all’indirizzo dell’albergo. L’unico ricordo che ha di quell’uomo sono tre libri lasciati nella stanza come un’eredità che gli ha segnato l’esistenza: Vince ora è un’anima di letterato che ha letto forse troppo, convinto che la scrittura sia una strana menzogna capace di manipolare la vita. Per sbarcare il lunario, si inventa una professione, la biblioterapia. Qualcuno gli parla del proprio male, nello spirito o nel corpo, drammatico o ridicolo, e Vince gli consiglia un libro come medicina. Da principio lo fa con timidezza ma, poco a poco, si conquista una clientela, fatta di sole donne. E intanto lo prende un’intrigante curiosità per l’enigma del rapporto fatale tra la letteratura e la vita.

Fabio Stassi vive a Viterbo e lavora a Roma presso la Biblioteca di Studi Orientali della Sapienza. Ha esordito con Fumisteria, pubblicato con GBM nel 2006 e poi con Sellerio nel 2015, ambientato nella Sicilia degli anni Cinquanta con la strage di Portella della Ginestra sullo sfondo, con cui ha vinto il “Premio Vittorini opera prima 2007”. L’anno seguente ha pubblicato È finito il nostro carnevale per Minimum Fax e il terzo romanzo, del 2008, s’intitola La rivincita di Capablanca (Premio Palmi 2009; Premio Coni per la narrativa sportiva 2009). Nel 2010 pubblica Holden, Lolita, Zivago e gli altri. Piccola enciclopedia dei personaggi letterari (1946-1999) (minimum Fax) e nel 2012 esce per Sellerio L’ultimo ballo di Charlot. Il romanzo, ancora prima di essere pubblicato, diventa un caso editoriale al Salone del Libro di Francoforte e verrà tradotto in 19 lingue. Ha inoltre curato l’edizione italiana di Curarsi con i libri. Rimedi letterari per ogni malanno (Sellerio, 2013).


In questo articolo: