Profumerie Douglas, l’azienda replica alla protesta: “Manifestazione fuori tempo, già programmato il ricollocamento”

La replica di Douglas Italia alle lavoratrici in bilico: “Esprimiamo il nostro stupore in merito alle tempistiche della manifestazione, che avviene subito dopo la sigla – a opera di tutte le parti coinvolte – dell’accordo che dà il via al piano di uscite volontarie e al processo di ricollocazione del personale presso i punti vendita non interessati dalla riorganizzazione del network”

In merito allo sciopero regionale proclamato ieri in Sardegna dalle organizzazioni sindacali, dove si prevede la chiusura di 12 punti vendita su 42, Douglas Italia intende precisare quanto segue: “La Società, pur rispettando appieno il diritto di protesta dei propri lavoratori, esprime il proprio stupore in merito alle tempistiche della manifestazione, che avviene subito dopo la sigla – a opera di tutte le parti coinvolte – dell’accordo che dà il via al piano di uscite volontarie e al processo di ricollocazione del personale presso i punti vendita non interessati dalla riorganizzazione del network retail italiano. La Società, contestualmente, ha confermato ai sindacati di essere impegnata in una intensa fase esplorativa volta a individuare soggetti interessati ad acquisire i punti vendita coinvolti nella chiusura, nell’ottica di una maggiora salvaguardia dell’occupazione”.      


In questo articolo: