Prangius Day-Bixinausu senza Frontiere: in aiuto della banda musicale

Domenica 18 giugno 2017, a Monastir, una bella iniziativa denominata “Prangius Day-Bixinausu senza frontiere”, dove i vicinati si sfidano per aiutare la banda musicale del paese

Si chiama “PrangiusDay” l’evento che domenica 18 giugno animerà la giornata dei monastiresi (e non solo). Giunto alla seconda edizione, e dopo il successo del 2015, gli storici vicinati di Monastir si sfidano per decretare “su bixinau” campione del 2017. Ma soprattutto per sostenere, attraverso il pranzo organizzato durante la giornata, le spese che la Banda Musicale Monastir sosterrà per partecipare ai prossimi mondiali per bande in Olanda che si terrà il 30 Luglio 2017.
L’INIZIATIVA. Anima e corpo di questa organizzazione sono Vincenzo La Ferla, (presidente della Banda Musicale, insieme a tutti i ragazzi del gruppo), Marco Masala (presidente della Volley Monastir), Alessio Callai degli ULIVES e i ragazzi monastiresi della Classe75.  Tutto il paese riunito in una grande festa per aiutare i musicisti locali nella loro avventura olandese.

I NUMERI. “Sono davvero felice che tutta Monastir spinga verso l’Olanda la nostra associazione” spiega La Ferla. “In queste settimane non è mai mancato il supporto di tanti amici, da Marco ad Alessio, ad Andrea fino ad arrivare agli amici della classe 75. Riunire gli storici vicinati, come quando eravamo ragazzini e si giocava per strada a pallone è un modo per stare tutti insieme, mantenere viva la storia di Monastir e le sue tradizioni. In questi tempi di social network e messaggi istantanei certe occasioni sono da prendere al volo per vivere a contatto con tutte le persone che animano il nostro comune”.

 
Al momento hanno già aderito oltre 200 persone ma i numeri sono ancora destinati a salire. Domenica 18 tutto è possibile. Giochi, cibo e divertimento sono gli ingredienti della giornata del PrangiusDay 2017. Chi vincerà tra “sa Cabadroxia-Pedrera”, “Su Cungiau de domu” “Gutturu su para” o “Su depositu”? I monastiresi sono pronti a tuffarsi nel passato per vincere l’ambito premio di “bixinau” campione.