Porto Giunco, ombrelloni selvaggi: dov’è la fascia di rispetto?

In barba alle regole ,gli ombrelloni occupano gran parte di un tratto della spiaggia di Porto Giunco. La denuncia di un bagnante:”Esiste un’ordinanza regionale, dov’è la fascia di rispetto di 5 metri dalla battigia destinata al libero transito?

Villasimius. La spiaggia di Porto Giunco anche oggi si presentava così. In barba a tutte le regole gli ombrelloni occupano gran parte dell’arenile arrivando praticamente  alla battigia. Nonostante esista un’ordinanza regionale che “vieta di  occupare con ombrelloni, sedie a sdraio, sedie, sgabelli ecc. nonché natanti, la fascia di metri 5 dalla battigia, che è destinata esclusivamente al libero transito. Tale disposizione non si applica ai mezzi di soccorso. La distanza di cui sopra è riferita al livello medio marino estivo e non alla linea di bassa marea”.

Chiarissima la disposizione della regione del 17 maggio 2016, pare che qualcuno, a ben vedere dalle foto, non la rispetti e i bagnanti siano costretti quindi a fare lo slalom per attraversare quel tratto di spiaggia.

A segnalare l’episodio è  un nostro lettore Alessandro P. che  ha inviato l’eloquente foto, scrivendo: “Il tutto avviene continuamente in totale disprezzo dell’ordinanza della Regione Sardegna e in danno della  massima fruibilità  della spiaggia e senza un adeguato controllo da parte delle autorità  competenti, Comune in primis, a cui verrebbe attribuito il  compito primario di sorveglianza dell’arenile.”


In questo articolo: