Ponte di Oloè, via libera della Procura alla riapertura: nel frattempo ecco il ponte provvisorio

Parere favorevole dato dalla Procura della Repubblica di Nuoro al dissequestro del ponte di Oloè, che isola una fetta di Sardegna a causa del crollo nell’ultima alluvione

“Abbiamo messo tutto il nostro impegno per restituire alle comunità un’infrastruttura fondamentale per il territorio e per accelerare il completamento dei lavori e garantire la massima sicurezza. La Regione ha lavorato intensamente per mettere a punto tutti gli adempimenti tecnici, in sintonia con le altre Autorità, dando tutti i chiarimenti possibili e confidando in una rapida riapertura”. Lo dichiara il presidente della Regione, Christian Solinas, commentando il parere favorevole dato dalla Procura della Repubblica di Nuoro al dissequestro del ponte di Oloè. “In attesa del dissequestro – ricorda il presidente Solinas – abbiamo comunque provveduto a trovare con urgenza una soluzione alternativa per ridurre i disagi alle popolazioni con un ponte provvisorio in grado di assicurare i collegamenti”.

Il dissequestro del ponte sulla Strada Provinciale Oliena-Dorgali, crollato a seguito dell’alluvione del 2013, era stato chiesto dall’amministratore straordinario della Provincia di Nuoro, Costantino Tidu, a conclusione dei lavori di messa in sicurezza.

“Abbiamo lavorato instancabilmente senza mai perdere di vista le necessità dei territori e l’urgenza di restituire un collegamento sicuro alle comunità – spiega l’Assessore dei Lavori Pubblici, Roberto Frongia –  Al dialogo costante con le amministrazioni è seguito un impegno straordinario da parte dell’Assessorato che rappresento, teso a trovare finalmente una soluzione. In attesa che vengano espletate le procedure per la riapertura, insieme al ponte restituiamo finalmente fiducia e ottimismo alle Comunità”.


In questo articolo: