Polemica a Capoterra: “Sindaco Dessì, non sei più del Pd e non versi al partito il dieci per cento dei tuoi compensi”

In una nota diffusa oggi, la segretaria del Pd di Capoterra Isabella Murtas polemizza col sindaco Dessì, che da due anni non rinnoverebbe la tessera e non darebbe dunque al partito il dieci per cento del suo stipendio. “Ma se vuole rientrare, regolarizzi la sua posizione finanziaria”

Polemica a Capoterra: “Sindaco Dessì, non sei più del Pd e non versi al partito il dieci per cento dei tuoi compensi”. In una nota diffusa oggi, la segretaria del Pd di Capoterra Isabella Murtas polemizza col sindaco Dessì, che da due anni non rinnoverebbe la tessera e non darebbe dunque al partito il dieci per cento del suo stipendio. “Ma se vuole rientrare, regolarizzi la sua posizione finanziaria”, avverte la segretaria. Non è dunque sul futuro del paese che si accende il dibattito: “Non intendo tediare i cittadini Capoterresi con un botta e risposta al Sindaco Dessì su aspetti inerenti la militanza all’interno del Partito Democratico, perchè credo ci siano ben altri problemi che gravano sulla nostra cittadina e sul modo in cui viene amministrata.
Mi sento però in dovere di rispondere per il ruolo che ricopro e per il rispetto che nutro verso gli iscritti e i dirigenti politici del partito che guido.
Ricordo al sindaco Francesco Dessi, che dovrebbe pur conoscere le regole del Partito in cui ha militato per alcuni anni, che l’iscrizione avviene annualmente e per risultare un tesserato del Partito, è sufficiente rinnovare la tessera.
Azione che lui non ha compiuto più dal 2018. Intendo rammentare al sindaco Dessì che secondo i regolamenti del Partito Democratico (statuto e regolamento finanziario), gli iscritti che ricoprono cariche istituzionali devono versare il 10% dei loro compensi al Partito. Iscriversi al PD significa accettare e praticare tutti i punti dei regolamenti e del Codice etico che disciplinano la vita interna al Partito, condividere i principi che normano la più grande comunità politica del centrosinistra a Capoterra come nel resto della Sardegna e dell’Italia non è un orpello è il minimo sindacale per far parte del Partito Democratico .
Con questa ultima affermazione intendo chiarire che il signor sindaco o chiunque altro volesse risultare tesserato al PD, non dovrà fare altro che sottoscrivere l’iscrizione e regolarizzare la propria posizione finanziaria così come previsto”, chiarisce la segretaria del Pd capoterrese Isabella Murtas. 


In questo articolo: