Poetto, parcheggiatori nomadi: “O ci dai i soldi o addio allo scooter”

La denuncia di un ragazzo cagliaritano: “Mi hanno chiesto il pizzo per il parcheggio, altrimenti mi avrebbero rubato lo scooter. E hanno rincarato la dose dicendo: guarda che noi lo rubiamo davvero e lo nascondiamo nei camper”

Ricattato dai parcheggiatori nomadi al Poetto: “O paghi o ti rubiamo lo scooter. E guarda che noi lo rubiamo davvero”. Un’altra denuncia durissima, quella che arriva da un ragazzo cagliaritano riguardo al far west del pizzo sui parcheggi. Che racconta la minaccia ricevuta nei pressi del Miraggio: “Erano seduti vicino ai propri camper illuminati ciò significa che sono di proprietà loro,ma non un solo camper ..erano circa 4 o 5 …chiedono il pizzo e lo pretendono con delle minacce di furti dicendo “noi lo rubiamo davvero” ..io ho messo la mano sul portafoglio e ho detto “Ho solo i soldi per il caffè”. Ma non mi hanno creduto ma avevo solo 5 euro per 2 caffè e magari 2 gelati…non per l’euro ma l’ha preteso con delle minacce di furto e non va bene. Infatti ci siamo spostati,abbiamo nascosto i motorini e abbiamo cambiato chiosco. Ero con un’altra coppia di amici sempre in scooter, io sono certo che anche se avessimo legato i motorini li avrebbero portati all’interno del camper,quelli non scherzano affatto“. 


In questo articolo: