Poetto, l’ultima beffa del Marino: Regione ko, vince Prosperius

“La Regione dovrà pagare i danni per la mancata casa di cura, intanto il Poetto resta sfregiato”

Lpultima beffa dell’ospedale Marino è arrivata dal Tar: Regione bocciata, l’ospedale diroccato torna a prosperius. E fioccano le reazioni. “Non è tanto importante che ieri il TAR Sardegna abbia sancito quello che tutti già sapevano e cioè che la Regione non se la caverà gratis con i titolari della casa di cura che ha i diritti sull’ex Ospedale Marino, quanto piuttosto avere la certezza che la Regione non intenda aggiungere errori ai tanti disastri che ha già combinato in questa vicenda!”.  Lo sostiene il deputato dei Riformatori, Pierpaolo Vargiu, commentando l’ultimo capitolo della “never ending story” dell’ex Colonia Dux del Poetto.
“Dal dicembre 2014, quando la Regione dichiarò di voler restituire l’immobile allo sviluppo turistico ed economico della città -continua Vargiu- sono passati quasi due anni: tutto è fermo e siamo all’ennesimo agosto con il Poetto sfregiato dal rudere fatiscente e inutilizzato”.
“Faccia in fretta dunque la Regione a trovare una transazione che ristori il danno subito dai proprietari della casa di cura  -conclude il parlamentare e consigliere comunale- e, sopratutto, faccia in fretta a far partire il nuovo bando per l’assegnazione del bene: Cagliari non ha bisogno del solito scaricabarile di responsabilità, ma ha invece necessità di risolvere il problema dell’ex Ospedale che rischia di restare uno scempio ambientale e un monumento all’incapacità della politica, invece che una risorsa per la città”.

 


In questo articolo: