Poetto di Quartu e Flumini, arrivano i nuovi bagnini: salvamento a mare, ecco tutte le postazioni in spiaggia

Due sono previste al Poetto ,nel viale Lungomare del Golfo, una nel tratto antistante il Lungomare Eroi del Mare e piazza Olla e l’altra alla fine della spiaggia, nei pressi del complesso denominato Tamarix. La terza postazione si trova invece sul litorale, in via Taormina, in località Sant’Andrea

Anche quest’anno Quartu avrà le postazioni di salvataggio ubicate nei tratti di spiaggia libera del litorale, con particolare riguardo per i postimaggiormente frequentati dai bagnanti. La Giunta comunale ha infatti deliberato per garantire le condizioni di sicurezza nella costa quartese, nel rispetto del disciplinare regionale e dell’ordinanza della Capitaneria di Porto di Cagliari.

  Saranno 3 le postazioni di salvataggio a breve operative sul litorale cittadino, tutte attrezzate anche per il servizio per l’accompagnamento dei disabili dal parcheggio al bagnasciuga. Quest’anno infattianche la terza postazione avrà in dotazione tutti gli strumenti necessari, con il posizionamento di pedane modulari e lesedie da mare Job. Va quindi a completarsiil piano dell’Amministrazione, che ha permesso di incrementare di anno in anno la dotazione comunale.

 La delibera precisa già dove dovranno collocarsi le postazioni. Due sono previste al Poetto, nel viale Lungomare del Golfo, una nel tratto antistante il Lungomare Eroi del Mare e piazza Olla e l’altra alla fine della spiaggia, nei pressi del complesso denominato Tamarix. La terza postazione si trova invece sul litorale, in via Taormina, in località Sant’Andrea, ovviamente anche questa fornita di attrezzatura per i portatori di handicap.

Il servizio dovrà essere garantito dalle ore 10.00 alle ore 18.00e ogni postazione di salvataggio dovrà essere attrezzata almeno nella misura minima prevista dal dispositivo sulla sicurezza della balneazione, di cui all’Ordinanza della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera n°76/2018 – Articolo 22. Dovrà quindi essere garantita la presenza di bagnini di salvataggio abilitati dalla Società Nazionale di Salvamento (S.N.S.), o Assistenti bagnanti, abilitati dalla Federazione Italiana Nuoto (F.l.N.) o dalla Federazione Italiana Salvamento Acquatico (F.l.S.A.), con relativo brevetto in corso di validità. Non potranno mancare il servizio di avvistamento dalla torretta, l’esecuzione della ronda lungo la battigia per tutta la durata del turnoe la turnazione del personale impegnato nella prestazione al fine di garantire il diritto al riposo.

 “Anche questa estate verrà garantito il servizio di salvamento a mare nelle spiagge libere del nostro litorale. In particolare siamo soddisfatti di aver completato con quest’anno la dotazione comunale in modo da avere un’adeguata attrezzatura per l’accoglienza delle persone diversamente abili. Anche queste persone devono infatti poter godere,al pari degli altri cittadini, deitantibenefici offerti da mare. Tutte e tre le postazioni hanno orala strumentazione necessaria, offrendo quindi un servizio in più a parte quello prioritario volto a limitarequanto più possibile i pericoliper i bagnanti”spiega l’Assessore all’Ambiente Tiziana Terrana.


In questo articolo: