Pirri, nuovo look per la Municipalità: ecco come cambia faccia lo stabile di via Riva Villasanta

“Da anni chiedevamo un intervento che potesse restituire alla Municipalità una nuova luce, un opera di manutenzione che conferisse la giusta dignità storica e istituzionale all’edificio, senza mai dimenticare gli aspetti tecnici e i profili di sicurezza”. Commenta così, sul proprio profilo Facebook, il Vicepresidente della Municipalità di Pirri, Alessandro Vincis, i lavori di manutenzione dell’edificio della Municipalità di Pirri

“Da anni chiedevamo un intervento che potesse restituire alla Municipalità una nuova luce, un opera di manutenzione che conferisse la giusta dignità storica e istituzionale all’edificio, senza mai dimenticare gli aspetti tecnici e i profili di sicurezza”. Commenta così, sul proprio profilo Facebook, il Vicepresidente della Municipalità di Pirri, Alessandro Vincis, i lavori di manutenzione dell’edificio della Municipalità di Pirri. Lo stabile di via Riva Villasanta, adibito a scuola già dai tempi del fascismo, era stato individuato in sostituzione della vecchia Circoscrizione, sita a qualche metro di distanza, che oggi ospita il distaccamento della Polizia Municipale pirrese e gli uffici politici. Da tempo la Municipalità aveva richiesto un intervento di messa in sicurezza della struttura: i primi documenti risalgono alla Presidenza Ghiani (concomitante alla Giunta Zedda I) orientati alla maggiore funzionalità dell’edificio, poi ancora altri corposi atti durante la Presidenza Secci (concomitante alla Giunta Zedda II) avevano sollecitato interventi di ristrutturazione interna ed esterna, nonché la messa in sicurezza dell’area parcheggi accessibili da via San Quintino. Nello scorso inverno la situazione era precipitata con i cedimenti di alcune parti del cornicione della facciata principale i quali avevano costretto al ridimensionamento temporaneo della sede stradale. Come riportato dalla stessa Assessore ai Lavori Pubblici, Gabriella Deidda: “Saranno realizzati nuovi intonaci, ripristino dei cornicioni, nuove tinteggiature, la pulizia della copertura lapidea e il restauro del portone”. “Grazie all’Assessore Deidda che nel più breve tempo possibile ha posto rimedio a questa criticità”, conclude Vincis.


In questo articolo: